Giardini, Piante

Lavori di giardinaggio di ottobre: 12 compiti per mantenere il tuo giardino bello questo mese

Con l’inizio del nuovo mese, è tempo di pensare ai lavori di giardinaggio di ottobre. L’autunno può essere in marcia, ma c’è ancora molto da tenere occupato in giardino.

Le giornate possono essere più corte e la temperatura è scesa, ma anche il giardino è ancora pieno di interesse per le piante. Le foglie stanno cominciando a diventare di colore giallo, arancione e rosa prima di cadere a terra. Dopo il tempo estivo, le notti più fresche e l’aumento delle precipitazioni stimolano i bulbi a fioritura autunnale come il ciclamino e il colchico. Le piante perenni a fioritura tardiva come la salvia e gli astri faranno felici gli impollinatori per tutto il mese, mentre ci sono anche un sacco di verdure da piantare in ottobre per darvi raccolti abbondanti anche nei mesi invernali.

Mentre le giornate diventano più corte, più scure e più umide, ecco i nostri lavori di giardinaggio essenziali di ottobre per tenerti al caldo mentre lavori fuori per assicurarti che il tuo giardino sia al meglio.

1. Proteggi i tuoi alberi da frutto

Mele

C’è un’antica barzelletta ben rodata che dice: “Cosa c’è di peggio che mordere una mela e scoprire un verme? La risposta, naturalmente, è ‘scoprire mezzo verme’, e l’inizio dell’autunno è il momento di prendere provvedimenti per assicurarsi che il destino non vi colpisca la prossima estate.

Diverse falene, tra cui la falena dell’inverno, la falena dell’ombra bruciata e la falena di marzo, depongono le loro uova negli alberi da frutto tra novembre e maggio. Le femmine senza ali si arrampicano sui tronchi per deporre le uova sui rami, e i bruchi emergono in primavera quando i teneri germogli si stanno aprendo.

Bruco della falena invernale

Queste voraci larve attaccano meli, susini, peri e ciliegi, masticando foglie, fiori e frutti e danneggiando gravemente e indebolendo gli alberi, influenzando il raccolto.

Il modo più semplice per fermare questo fenomeno e proteggere i fiori e i frutti è quello di fissare bande di grasso appiccicoso intorno ai tronchi in ottobre e novembre per intercettare le femmine mentre si fanno strada verso l’alto.

Sono facili da attaccare, anche se per avere davvero successo è necessario tenerli puliti dai detriti tra ora e aprile.

Fissare una banda adesiva per parassiti su un albero di pere

Le bande sono ampiamente disponibili nei centri di giardinaggio e online e possono essere tagliate a misura. Poi legare la banda in alto e in basso con lo spago in dotazione. Questo ancora saldamente la banda e impedisce alle falene di strisciare al di sotto.

Dipingere del grasso repellente per parassiti sul tronco di un melo

Le colle e le paste barriera funzionano meglio su alberi con corteccia ruvida, perché le tarme possono strisciare sotto le bande attaccate in modo irregolare. Non usare mai un adesivo che sia abbastanza forte da intrappolare topi, uccelli o pipistrelli.

Consiglio: assicurati che le fascette e la colla vadano lungo tutto il tronco, altrimenti le tarme troveranno una via d’accesso ai rami superiori.

2. Piantare i bulbi forzati

Forzare i giacinti in vasi su un davanzale

Per il colore e il profumo all’interno per illuminare il buio dell’inverno, ora è il momento di imparare come forzare i bulbi all’interno.

Non tutti i bulbi sono adatti a questa “forzatura” precoce. Quelli da acquistare dovrebbero essere etichettati come “bulbi preparati”, il che significa che sono stati conservati brevemente sotto zero in estate, in modo che pensino di aver già vissuto l’inverno ed entrino in fiore prima.

Diverse varietà, tra cui giacinti, amaryllis (o Hippeastrum) e Narcissus ‘Paper White’ sono tutti adatti e se iniziati ora dovrebbero essere in fiore per Natale, diverse settimane prima che i bulbi da giardino abbiano iniziato a fiorire.

Piantare bulbi di giacinto preparati per la forzatura

Il mezzo migliore per una coltivazione di successo è la fibra per bulbi, che è un compost argilloso con aggiunta di gusci d’uovo o carbone che lo mantiene “dolce” e aiuta a prevenire la putrefazione dei bulbi. Segui questi consigli per una semina di successo:

  1. Metti uno strato di fibra di bulbo o di compost sul fondo del tuo contenitore e bagnalo con acqua di rubinetto pulita.
  2. Metti i bulbi, con l’estremità appuntita verso l’alto, sulla fibra assicurandoti che siano vicini ma non si tocchino.
  3. Aggiungere altre fibre di bulbo o compost fino a quando i bulbi sono sepolti fino al collo, con solo le punte che spuntano fuori.
  4. Sigillare i bulbi in una busta nera o metterli in un cassetto in un luogo buio e fresco. Controllare di tanto in tanto e annaffiare leggermente se sono asciutti.
  5. Controllare regolarmente i bulbi per assicurarsi che non si siano seccati e poi portarli dentro quando appaiono i germogli. Tienili in un posto leggero e fresco per farli rinverdire prima di spostarli in un posto più caldo e altrettanto leggero.

Bulbo di giacinto che cresce sopra un vaso d'acqua

Puoi anche comprare vasi speciali per giacinti con ampie sporgenze nella parte superiore. Riempi il vaso d’acqua e metti il bulbo sul bordo in modo che tocchi appena il liquido. Tieni il vaso pieno d’acqua e le radici cominceranno presto a crescere, seguite da foglie e da un fiore! È un modo davvero semplice per dare alle tue idee di giardino interno una spinta di colore nei mesi invernali.

Consiglio: indossa sempre i guanti quando maneggi i bulbi perché possono irritare la pelle.

3. Sollevare le piante perenni tenere

Sollevare un pelargonio prima dell'inverno

Quando le temperature scendono ulteriormente, è il momento di spostare alcune delle tue tenere piante perenni nella relativa sicurezza di una serra o di un portico fresco.

Piante diverse hanno esigenze diverse, ma i pelargoni e le gazanie che sono abbastanza piccole possono essere messe in vaso, tagliate e fatte svernare al coperto.

E’ una procedura semplice, quindi inizia scavando intorno alla tua pianta e sollevala con la terra ancora attaccata alle radici. Metti la tua pianta in un contenitore abbastanza grande da contenere tutte le radici, e riempilo con del compost multiuso senza torba.

Rinvasare un pelargonio prima dell'inverno

Decapitare e, nel caso dei pelargoni, ridurre tutti gli steli carnosi a circa 3-4in (7-10cm) poi annaffiare e mettere in un posto leggero e al riparo dal gelo.

Per proteggere le piante dal gelo, tenere a portata di mano un vello da stendere sulle piante tenere nelle notti in cui la temperatura scende ben al di sotto dei 32˚F (0˚C).

Consiglio: se si formano boccioli di fiori durante i periodi miti dell’inverno, schiacciateli per evitare che la pianta sprechi energia per i fiori piuttosto che per una nuova crescita forte in primavera.

4. Fare il terriccio per le foglie

Foglie intere e terriccio di foglie

Ogni stagione ha i suoi lavori associati e uno dei lavori chiave del giardinaggio di ottobre è rastrellare le foglie cadute per fare uno dei prodotti più importanti per migliorare il suolo: il terriccio.

Imparare a fare il terriccio raccogliendo le foglie cadute migliora anche il tuo giardino. Le rimuove dalle superfici dure dove diventano pericolose e scivolose mentre si degradano, e dal prato dove, se lasciate, possono causare l’ingiallimento dell’erba e ospitare parassiti e altri problemi.

Le foglie decidue hanno proprietà diverse e si decompongono a velocità diverse. Le più veloci e migliori sono il faggio, la quercia e il carpino.

Le foglie più spesse come quelle di sicomoro, noce e quelle della famiglia dei castagni impiegano più tempo a decomporsi, anche se è possibile accelerare il processo sminuzzandole o passandoci sopra con un tosaerba prima della raccolta.

Queste foglie più dense possono anche essere aggiunte al cumulo del compost dopo la triturazione.

Bagnare le foglie raccolte per la muffa delle foglie

Ci sono due modi principali per conservare le foglie. Si può costruire un bidone permanente usando quattro pali avvolti da una rete metallica. In alternativa, procuratevi dei sacchetti di plastica nera, fateci dei buchi e riempiteli di foglie.

Spruzza un po’ d’acqua prima di annodare le cime e riporle da qualche parte fuori mano. Ci vorranno almeno due anni perché le tue foglie marciscano, ma il risultato finale sarà una nutriente e friabile muffa di foglie scure.

Se ci vuole più tempo, gira le foglie di tanto in tanto e inumidiscile durante i lunghi periodi di siccità.

Consiglio: conservate gli aghi di pino caduti e usateli come pacciamatura intorno alle piante che amano il terreno acido, come azalee, mirtilli e rododendri.

5. Tagliare le piante perenni resistenti

primo piano di fiori di echinacea con ape

Le piante perenni che sono abbastanza resistenti da sopportare l’inverno in giardino dovrebbero essere tagliate ora come parte dei lavori di giardinaggio di ottobre per tenerle in ordine e ridurre la quantità di materiale vegetale potenzialmente a rischio di gelo.

Rimuovete gli steli morti e le teste dei fiori, nonché le foglie che sono state lasciate lacerate e malconce dopo l’estate. Si può scegliere di lasciare alcuni steli intatti, tuttavia, e si consiglia di farlo per un paio di motivi.

I capolini architettonici come l’agapanto, il finocchio e il teasel sono attraenti di per sé e sembrano meravigliosi nelle bordure del giardino quando vengono toccati dal gelo nelle mattine invernali sotto zero.

Inoltre, i loro semi forniscono nutrimento vitale per gli uccelli nel periodo più affamato dell’anno, mentre i loro steli cavi possono offrire riparo agli insetti e agli invertebrati in letargo. Ci sono molte altre idee su come attirare gli uccelli nel tuo giardino anche nella nostra guida.

Ciuffolotto maschio seduto sulla testa di teasel congelata

Vale la pena notare che non tutte le piante perenni dovrebbero essere tagliate subito, comunque. I Penstemons non sono così resistenti come molte varietà, quindi è sufficiente ridurre la crescita di quest’anno di un terzo, rimuovendo le teste dei fiori esaurite e un breve tratto di stelo.

Gli steli rimanenti aiuteranno a proteggere la corona dal peggiore dei freddi invernali. Puoi aiutare ancora di più la tua pianta stratificando una generosa quantità di compost o letame ben marcio sopra la zona delle radici.

Consiglio: conservate ed essiccate alcune delle teste dei semi più attraenti e spruzzatele d’oro per usarle come decorazioni natalizie.

6. Prenditi cura delle tue rose

Rose albicocca in fiore

Se hai seguito i nostri consigli su come coltivare le rose, non fermare il buon lavoro ora che la stagione della fioritura principale è finita. Le rose hanno bisogno di qualche cura ora, anche se, con un po’ di fortuna, continueranno a fiorire ancora per qualche settimana, specialmente quelle in luoghi riparati.

Iniziare con la decapitazione dei fiori e rimuovere e cestinare o bruciare tutte le foglie che hanno ceduto alla macchia nera, una malattia fungina che è estremamente comune sulle rose.

Può essere identificata dalle macchie gialle e nere che proliferano sulle foglie e, in casi molto gravi, sugli steli. Le infezioni gravi porteranno alla caduta delle foglie e all’indebolimento delle piante.

È troppo tardi nella stagione per trattare il problema con un fungicida, ma si può aiutare a garantire che non persista raccogliendo e, di nuovo, smaltendo tutte le foglie cadute con macchie nere, e pacciamando intorno alla vostra pianta.

Questo soffocherà tutte le spore della macchia nera che sono in agguato nel terreno e aiuterà a evitare che vengano spruzzate di nuovo sulla rosa quando piove.

Consiglio: lasciate alcuni fiori morti per formare i cinorrodi. Aggiungeranno colore alle tue idee per il giardino d’inverno e anche gli uccelli se ne ciberanno.

7. Prenditi cura del tuo agapanto

Agapanto blu in fiore

Se avete già imparato a coltivare gli agapanti, è probabile che sappiate che sono originari del Sudafrica e quindi avranno bisogno di un po’ di cure per superare i freddi inverni.

Le varietà sempreverdi sono leggermente meno resistenti delle piante decidue, ma dovrebbero sopravvivere se gli si dà abbastanza isolamento e protezione.

Sia che mantengano o perdano le foglie, le piante che crescono nel terreno dovrebbero essere generosamente pacciamate con letame ben marcio, compost o paglia.

Le foglie dei sempreverdi possono essere ripiegate e legate in un mazzo per proteggere la chioma, mentre le foglie dell’agapanto a foglie caduche dovrebbero essere lasciate sulla pianta a morire.

Pacciamatura di un agapanto con paglia in una bordura

Se avete coltivato gli agapanti sempreverdi in vaso come parte delle vostre idee di giardinaggio in contenitore, devono essere spostati in una serra o portico senza gelo e pacciamati con del compost.

Puoi fare lo stesso con le varietà a foglia caduca o, se il tuo giardino è riparato in modo affidabile, sposta i vasi contro un muro riparatore, avvolgili con pile e pluriball e rovesciali su un lato. Questo farà in modo che il compost non si impregni d’acqua durante l’inverno, perché questo costringerebbe l’ossigeno fuori dal compost, affogando le radici.

Il ristagno d’acqua può anche rischiare di rompere il vaso se il compost saturo si congela e si espande.

Consiglio: considerate la possibilità di raggruppare diversi contenitori di piante insieme in un luogo riparato durante l’inverno, in modo che siano più facili da isolare in massa

8. Proteggere le piante di banane

Avvolgere un banano in vaso nel vello prima dell'inverno

Le banane in vaso sono un altro esotico tenero che ha bisogno di cure extra durante l’inverno, quindi uno dei vostri lavori di giardinaggio di ottobre dovrebbe essere quello di preparare queste piante per il tempo più freddo.

La varietà più resistente, la Musa basjoo, sopravviverà se la crescita superiore viene tagliata a circa 3 piedi (1 m) prima che la pianta venga pacciamata e il suo vaso avvolto in pile e pluriball. Spostare il vaso in un luogo riparato e assicurarsi che l’involucro rimanga al suo posto per tutto l’inverno.

Rimuovere le foglie dell'Ensete prima dell'inverno

Le varietà tenere come l’Ensete hanno maggiori probabilità di sopravvivere alle stagioni fredde se spostate al coperto in un posto ben illuminato e al riparo dal gelo. Rimuovi le loro foglie come prima e controlla che non siano infestate da parassiti o colpite da malattie durante l’inverno.

Consiglio: se il tuo banano in vaso isolato rimane al riparo per l’inverno, alzalo sui piedi in modo che l’acqua piovana in eccesso possa defluire.

9. Seminare i piselli dolci del prossimo anno

Tagliare i piselli dolci in fiore

Un giardino estivo sembra sempre essere tristemente carente se non contiene uno stand di piselli dolci colorati e profumati, e se imparate a coltivare i piselli dolci come parte dei vostri lavori di giardinaggio di ottobre, avrete piante sane pronte ad andare in terra non appena il terreno è abbastanza caldo in tarda primavera.

I piselli dolci, come tutti i membri della famiglia dei legumi, hanno lunghe radici e hanno bisogno di vasi profondi per una crescita ottimale.

I Rootrainers sono l’ideale; sono moduli profondi che sono incernierati sul fondo in modo da poter essere aperti al momento della piantagione e ogni modulo di terra inserito nel terreno senza disturbare la zolla della giovane pianta.

Seminare i semi di piselli dolci in un Rootrainer

Un metodo di coltivazione altrettanto efficace è quello di seminare i semi negli inserti di cartone della carta igienica e della carta da cucina. È una buona opzione per i giardini sostenibili perché sono biodegradabili e possono essere piantati direttamente nel terreno la prossima primavera dove marciranno man mano che le radici si diffondono.

Metti uno o due semi a circa 2,5 cm di profondità in ogni modulo, coprilo con del terriccio, inumidiscilo e mettilo in una serra non riscaldata, in una mini-serra o in una cornice fredda.

Quando le piantine iniziano a crescere, continua a pizzicare la crescita superiore per incoraggiare uno sviluppo cespuglioso che porterà a più fiori. Assicurati che siano ben ventilate, altrimenti la tenera crescita nuova soccomberà alla muffa grigia della botrite.

Consiglio: conservate alcuni semi di pisello dolce da seminare anche la prossima primavera. Fioriranno più tardi delle piante seminate in autunno e vi daranno una fioritura prolungata.

10. La stagione della potatura è qui

Rimozione di un ramo morto da un greengage

Il tardo autunno e l’inverno sono la stagione di punta della potatura per la maggior parte degli alberi decidui e degli arbusti, quindi è il momento di iniziare ad affilare e pulire le vostre migliori cesoie e i migliori troncarami e guardare le vostre piante per vedere cosa deve essere fatto.

Facendo la potatura uno dei vostri lavori di giardinaggio di ottobre, vi aiuterà a mantenere le piante in buona forma e a incoraggiare una migliore fioritura e fruttificazione l’anno successivo. Dà anche ai giardinieri l’opportunità di rimuovere il materiale morto e danneggiato e dare agli alberi un’ispezione ravvicinata per assicurarsi che siano in buona salute.

Una parola di cautela, però. Sarà estremamente allettante usare tutte quelle potature legnose per fare un falò. Se avete accatastato la legna pronta per l’accensione, per favore spostatela di nuovo il giorno dell’accensione, perché un ignaro riccio potrebbe aver già preso la residenza per il letargo all’interno.

Se questo è il caso, metti attentamente il riccio in una scatola, mettilo in un posto tranquillo e dagli dell’acqua e del cibo per animali domestici.

Consiglio: non potare i prugni o i ciliegi in inverno perché il momento li renderà più suscettibili alla malattia delle foglie d’argento. Anche i sempreverdi dovrebbero essere potati in estate perché il freddo può danneggiare i germogli tagliati.

Riccio disturbato sotto il ramo di un albero

11. Costruire un hotel per insetti

hotel per insetti circondato da fiori in fiore

Ottobre è un ottimo momento per imparare a fare un hotel per insetti, in quanto fornirà un riparo per gli insetti striscianti durante i mesi freddi e può essere messo insieme rapidamente e facilmente.

Impilare semplicemente degli scaffali usando ritagli di legno e vecchi mattoni. Riempi le sezioni con tubi di bambù, pigne, paglia e foglie. In effetti, la maggior parte del materiale naturale raccolto dal tuo giardino funzionerà bene. Dipingerlo in un colore brillante lo renderà anche una caratteristica divertente.

12. Trattare i tuoi strumenti

attrezzi da giardino in una pentola su un tavolo di legno

Potresti non vedere molto i tuoi attrezzi nei prossimi mesi, ma dai loro una buona pulizia prima che si corichino per la stagione. Raschiare il fango da vanghe, forche e zappe da giardino.

Se il fango è incrostato, immergili in acqua calda e saponata e puliscili con un vecchio asciugamano o un panno. Strofinare l’olio (qualsiasi tipo va bene) sulle lame di metallo prima di metterle via e riporle in un rifugio asciutto per il resto dell’inverno.

Non dimenticare, abbiamo un sacco di idee per la conservazione degli attrezzi da giardino nella nostra guida dedicata per ispirarti a mantenere gli attrezzi senza ruggine e belli come nuovi.

Menu