Come fare, Giardini

Lavori di giardinaggio di novembre: 10 compiti essenziali per mantenere il tuo appezzamento

Mentre l’autunno si fonde con l’inverno, continuare a fare i lavori di giardinaggio a novembre è importante come sempre. Anche se fuori sembra sempre più grigio e poco invitante, non dovresti essere scoraggiato dall’uscire e passare del tempo in giardino.

È un mito che questo periodo dell’anno sia il “tempo tranquillo” del giardiniere. A suo modo è altrettanto impegnativo come l’estate, con un sacco di lavori di giardinaggio per tenervi al caldo e occupati.

Che si tratti di potatura, pulizia generale e riordino o anche di piantare alberi a radice nuda, ci sono molti lavori di giardinaggio invernali per tenerti occupato in giardino questo mese.

E non trascurare le piante d’appartamento. Proprio come i loro cugini in giardino, le loro esigenze cambiano con le stagioni e hanno bisogno di un diverso regime di cure per superare i mesi invernali.

I nostri lavori di giardinaggio di novembre ti aiuteranno a mantenere il tuo giardino in ordine e sano e ti daranno anche la possibilità di propagare alcune delle tue piante preferite.

1. Affila i tuoi attrezzi – è tempo di potare

persona con guanti da giardinaggio che pota un albero in autunno

Una volta che le foglie sono cadute e le piante diventano dormienti, è il momento di tirare fuori i migliori troncarami e le migliori forbici e potare la maggior parte degli alberi decidui e degli arbusti, compresi meli e peri e le rose. Aspettiamo fino ad ora perché la linfa si sarà ritirata lungo i tronchi, riducendo il rischio di un eccessivo sanguinamento dalle ferite di potatura.

La potatura di alberi e arbusti può sembrare scoraggiante, ma è piuttosto semplice se si ricordano alcuni consigli chiave. Tieni a mente il motto “guarda due volte e taglia una volta”, perché una potatura troppo frettolosa è difficile da correggere e può rovinare la forma della pianta.

Ricorda anche le “tre D” e inizia a rimuovere la crescita morta, malata e danneggiata. Poi taglia via i rami che sfregano contro gli altri causando danni alla corteccia, e quelli che crescono verso l’interno, congestionando il centro dell’albero.

L’obiettivo è quello di creare una forma a calice, con un bel centro aperto che permetta una buona ventilazione e mantenga l’albero sano.

potatura di un pero in autunno con le cesoie

Dopo la potatura, la pacciamatura con compost o letame ben marcio aiuterà a mantenerli sani durante l’inverno. Ci sono molti consigli per la potatura degli arbusti anche nella nostra guida.

Consiglio: tra gli alberi da lasciar stare in autunno e in inverno ci sono i sempreverdi che possono essere danneggiati dal freddo, prugne, ciliegie, albicocche e mandorle che possono essere colpite dalla malattia delle foglie d’argento (potatele a metà estate) e gli arbusti a fioritura precoce come il filadelfo e la forsizia, perché rimuoverete gli steli che portano i fiori. Troverete consigli su quando e come potare correttamente la forsizia nella nostra guida.

2. Piantare alberi e arbusti a radice nuda

Una siepe a radice nuda appena piantata

Finché il terreno non è ghiacciato o acquoso, questa è la stagione giusta per piantare alberi a radice nuda. Questi tipi di piante sono “fruste” di uno o due anni che sembrano lunghi ramoscelli, ma presto cresceranno e diventeranno alberi robusti e di rapida maturazione.

Sono venduti, come suggerisce il nome, a radici nude, cioè non in contenitori, e devono essere piantati il prima possibile, altrimenti le loro radici si seccano.

Si tratta di un modo economico di acquistare scorte, soprattutto se avete bisogno di acquistare in massa per piantare una siepe o un frutteto, e le varietà in offerta sono generalmente più ampie rispetto all’acquisto di piante in contenitore.

Una siepe a radice nuda matura diversi anni dopo l'impianto

Le piante a radice nuda possono includere alberi autoctoni come il nocciolo, il faggio e il frassino, cespugli di rose, alberi e cespugli da frutto e anche piante biennali come i wallflowers. Se si tratta di cespugli di rose che ti interessa coltivare, puoi scoprire come piantare le rose a radice nuda nella nostra guida dedicata.

La maggior parte dovrebbe essere ampiamente disponibile online da qui alla fine di febbraio (anche se si consiglia l’acquisto anticipato prima che le scorte si esauriscano) e potresti anche essere in grado di acquistarle al tuo mercato locale, nei vivai o nei garden center. Molti fornitori online li vendono in pacchetti con funghi micorrizici che stimolano le radici e istruzioni per la piantagione.

Consiglio: se non potete piantare immediatamente a causa delle condizioni del suolo o perché non avete preparato il terreno, “tallonate” (piantate temporaneamente) le fruste in un posto riparato. Possono rimanere in questo luogo di piantagione temporanea per tutto l’inverno, anche se l’obiettivo è quello di metterli nel loro posto definitivo prima che entrino in foglie la prossima primavera.

3. Iniziare a risparmiare acqua con un mozzicone

un serbatoio d'acqua installato vicino a una serra per raccogliere l'acqua piovana dalle grondaie

Siamo nel periodo più umido dell’anno, quindi ha senso ottimizzare l’umidità del cielo raccogliendola per il giardino.

I contenitori per l’acqua sono una parte essenziale della vita di giardinaggio. L’acqua piovana raccolta è migliore per le piante e il laghetto del giardino rispetto all’acqua del rubinetto carica di sostanze chimiche.

Se collocate le prese d’acqua sui tubi di scarico vicino a dove state coltivando (pensate di usare il capanno, il garage e la serra oltre alla casa), non dovrete trascinare i pesanti annaffiatoi nella stagione secca.

Gli annaffiatoi sono disponibili in diverse dimensioni per adattarsi alla maggior parte degli spazi e soddisfare la maggior parte delle esigenze e sono ampiamente disponibili presso i negozi di ferramenta e di bricolage e i fornitori online.

Consiglio: le vaschette per l’acqua spesso funzionano meglio con un supporto, in modo che il rubinetto sia sollevato e l’annaffiatoio possa stare sotto. Un coperchio è anche una buona idea per evitare che i detriti contaminino l’acqua e che gli insetti vi depongano le uova.

4. Mantenere le superfici dure sicure e pulite

uomo che spazza foglie e vecchi petali da un patio

Le foglie che cadono, le piogge regolari, i detriti portati dal vento – tutti si raccolgono sulle superfici dure del giardino e creano problemi, quindi uno dei lavori di giardinaggio più importanti di novembre è quello di ripulirle.

Uno dei problemi più ovvi se non lo fai è una superficie infidamente scivolosa e, in vista del Natale, l’ultima cosa di cui hai bisogno è una scivolata che ti fa finire sulla schiena con lividi o peggio.

Il letame accumulato è anche un rifugio per parassiti e malattie, e l’igiene del giardino è cruciale in questo periodo dell’anno, quando il clima autunnale ancora mite è già un potenziale terreno fertile per problemi fungini.

Può anche accumularsi intorno agli scarichi e nei canali di drenaggio, aumentando il rischio di inondazioni.

Rimuovere le erbacce e i detriti da un patio usando una zappa

Se non hai già un gadget per la pulizia delle superfici dure (ne troverai molti nella nostra guida alla migliore idropulitrice), la tua prossima scommessa migliore è con un po’ di olio di gomito, oltre a una spazzola rigida e un secchio di acqua calda con il miglior detergente per patio.

Una zappa affilata o una spazzola metallica stretta sono anche strumenti utili per sbarazzarsi di muschio, alghe e altro materiale vegetale che inizia a crescere tra le pietre della pavimentazione.

Consiglio: evitate di usare le idropulitrici se avete un patio con pavimentazione a blocchi, perché rischiate di staccare il cemento tra i mattoni.

5. Sollevare o isolare i tuberi teneri

dissotterrare i tuberi di dalie per conservarli all'interno durante l'inverno

Una volta che le prime gelate hanno annerito le loro foglie, puoi decidere cosa fare con le tue dalie come parte dei lavori di giardinaggio di novembre.

Se il vostro giardino è riparato e il vostro terreno leggero e drenante, allora potreste rischiare di lasciare i tuberi nel terreno. Tutto quello che dovete fare è tagliare gli steli fino a 10 cm dal terreno e poi pacciamare la zona delle radici con un generoso strato di compost ben marcio, trucioli di corteccia, paglia, letame o una combinazione di tutti e quattro.

Tuttavia, se avete terreni argillosi e pesanti che sono inclini al ristagno d’acqua, o se non volete correre il rischio di lasciare le dalie nel vostro terreno leggero, dovreste ridurre gli steli come prima e scavare attentamente i tuberi. Poi appendeteli a testa in giù in un capannone o in un garage per un paio di settimane finché non si sono completamente asciugati prima di riporli in inverno in un posto al riparo dal gelo in vassoi di sabbia o di compost.

Controllate sporadicamente per assicurarvi che non si siano ammorbiditi e buttate quelli che hanno iniziato a marcire. Assicurati di lasciare i gambi attaccati, anche se si sono seccati, perché i nuovi germogli non cresceranno se vengono rimossi. La prossima primavera, metti i tuberi in vaso nel compost, annaffiali e tienili in un luogo caldo e luminoso in casa e inizieranno a produrre nuovi germogli.

Tagliare una dalia in vaso in autunno

Se stai imparando a coltivare le dalie in contenitore, devi comunque tagliarle, ma puoi lasciarle nel vaso e spostarle in una serra, un garage o un capannone al riparo dal gelo per farle stare al freddo.

Consiglio: i tuberi di Begonia vengono svernati in modo simile. Tagliate la parte superiore morta e conservate i tuberi piatti e rotondi in vassoi di sabbia fino a quando non potranno essere messi in vaso la prossima primavera.

6. Prendersi cura della fauna del giardino

riccio

Mentre il mondo naturale viene distrutto e costruito, i nostri giardini sono sempre più importanti per gli uccelli, gli insetti e la fauna selvatica.

Uno dei lavori chiave del giardinaggio di novembre è fare la tua parte per gli uccelli e gli animali selvatici, anche se tutto quello che puoi fare è mettere fuori cibo fresco e acqua per loro ogni giorno e assicurarti che le mangiatoie per uccelli e altre stazioni di alimentazione siano tenute pulite, con il cibo avanzato rimosso.

Se hai lo spazio per altre idee di giardino per la fauna selvatica, lascia una zona tranquilla del tuo appezzamento a crescere leggermente selvatica con un mucchio di tronchi e forse un po’ di paglia, per fornire un nascondiglio per gli animali e gli insetti mentre rallentano o cercano un posto dove ripararsi dagli elementi.

Appendere la mangiatoia per gli uccelli su un albero

I ricci si nutrono prima dei periodi di ibernazione, quindi lascia fuori dell’acqua fresca e del cibo per maiali di proprietà, che è ampiamente disponibile nei negozi di animali, nei centri di giardinaggio e online, oppure cibo per animali e biscotti per gattini.

Se hai una casetta per i porci, riempila di paglia e muschio secco e mettila in un posto tranquillo e riparato e potresti essere abbastanza fortunato da attirare un riccio per il suo sonno invernale.

Negli inverni miti, i ricci si svegliano spesso alcune volte per spostare i siti di nidificazione o cercare il cibo. Tuttavia, di solito lo fanno di notte e i ricci sembrano fuori durante il giorno è probabile che non stiano bene.

Consiglio: invece di tagliare tutti gli steli delle piante perenni, lasciane alcuni in piedi per fornire semi agli uccelli affamati e steli cavi agli invertebrati in letargo.

7. Dividere le piante perenni

Dividere una pianta perenne con una vanga

Se il terreno è lavorabile, puoi ancora dividere le piante perenni come uno dei tuoi lavori di giardinaggio di novembre per creare piante identiche al genitore. Questo aiuterà anche a ringiovanire l’originale se è diventato troppo grande e ha smesso di fiorire bene.

Scava intorno alla pianta che vuoi dividere e sollevala, facendo attenzione a non danneggiare le radici. Mantieni quanta più terra possibile intorno alla zolla e dividi la pianta tagliandola a pezzi con la tua migliore vanga o coltello da giardino o usando due forchette da giardino messe una dietro l’altra e poi tirate a parte.

Dividere le perenni con due forchette

Ogni divisione dovrebbe avere radici e crescita superiore sane e dovresti anche cogliere l’occasione per eliminare le parti vecchie della pianta che sono diventate legnose e improduttive.

Pianta le divisioni alla stessa profondità alla quale stavano crescendo prima, rassoda il terreno intorno a loro, annaffia bene e pacciama con compost o letame ben marcio.

Piantate ora, avranno il tempo di consolidarsi prima dell’inizio dell’inverno “vero” e saranno pronte a crescere di nuovo e a fiorire l’anno prossimo.

Consiglio: non preoccupatevi se le nuove divisioni appassiscono per un giorno o poco più dopo il reimpianto. È normale e si riprenderanno presto.

8. Prova a fare delle talee di radice

Fiori rosa di un anemone giapponese

Ci sono talee per ogni stagione e il tardo autunno e l’inizio dell’inverno sono i momenti in cui le talee radicali si fanno sentire.

Le erbacee perenni come i papaveri orientali, gli anemoni giapponesi, il phlox e il verbasco possono essere propagati in questo modo e potete creare un gran numero di nuove piante da ogni genitore.

Prendere talee di radici da un verbasco

Le talee radicali sono uno dei modi più semplici di propagazione e hanno il vantaggio di creare nuove piante senza parassiti o malattie. Ecco come fare:

  1. Sollevare la pianta madre dal terreno, mantenendo più terra possibile intorno alla zolla.
  2. Scegliere radici sane e spesse come una matita e rimuovere le estremità sottili e le radici laterali fibrose.
  3. Taglia ogni lunghezza in 5-10 cm (2-4 pollici) con un taglio orizzontale all’estremità superiore e un taglio angolato all’estremità inferiore, che crea una superficie maggiore per lo sviluppo delle radici.
  4. Inserire in vasi di terriccio granulare in modo che l’estremità piatta sia appena sotto la superficie e metterli in una cornice fredda o in una serra per l’inverno.
  5. Rinvasare individualmente in primavera o in estate, quando dovrebbero esserci segni di crescita che emergono dal compost.

Consiglio: rimuovi non più di un terzo del sistema radicale di ogni pianta, altrimenti corri il rischio di danneggiare la crescita futura o addirittura di ucciderla.

9. Metti in vaso le tue talee estive

Penstemons rosa che crescono in una bordura

Se avete già imparato a prelevare le talee dalle piante e quest’estate avete prelevato talee di legno tenero o semi-maturo di piante perenni o arbusti e queste hanno attecchito e iniziato a crescere, invasatele ora individualmente come parte dei vostri lavori di giardinaggio di novembre e fatele svernare in una serra senza gelo o su un davanzale leggero.

Ecco il modo migliore per farlo:

  1. Metti il vaso delle talee in acqua per saturare la zolla e renderne più facile la rimozione dal vaso.
  2. Fai scivolare con attenzione tutte le talee in una volta sola, mantenendo il più possibile intatto il compost intorno alle giovani piante. Separa le piante facendo leva con i pollici tra le piante e separandole delicatamente.
  3. Controlla che le radici siano robuste e sane e che non ci siano parassiti nel compost, quindi metti ogni talea in un vaso abbastanza grande da contenere tutte le radici e riempilo di compost.
  4. Tagliare i germogli troppo lunghi per mantenere le piante compatte durante l’inverno e promuovere una crescita più folta con più fiori la prossima primavera. Poi annaffia le tue nuove piante e tienile in un luogo leggero e al riparo dal gelo per tutto l’inverno.

Sviluppo sano delle radici su talee di penstemon

Ho preso alcune talee di pelargonium che hanno sviluppato un forte apparato radicale e sono cresciute bene e passeranno l’inverno nei loro vasi. Ora stanno crescendo in contenitori di John Innes No 1, che è formulato per le piante giovani e assicurerà che non crescano troppo quest’inverno, il che può esaurire le loro riserve di energia.

Le nuove piante non avranno bisogno di cibo e solo di annaffiature minime per evitare che appassiscano durante l’inverno, e riprenderò un regime di progettazione regolare quando cresceranno di nuovo la prossima primavera, prima che siano indurite e piantate fuori.

Consiglio: le foglie tenere delle piante giovani sono vulnerabili all’attacco di parassiti che succhiano la linfa come gli afidi, quindi controllale regolarmente e rimuovi immediatamente qualsiasi visitatore indesiderato. Ci sono molti consigli su come sbarazzarsi degli afidi anche nella nostra guida.

10. Non ignorare le tue piante d’appartamento

Sansevieria trifasciata pianta serpente su un tavolo davanti a una finestra

Non sono solo le tue piante da giardino che hanno bisogno di cure diverse in inverno, anche le migliori piante da interno reagiscono in modo diverso al cambiamento dei livelli di luce e della temperatura.

La maggior parte di loro smette di crescere, quindi non c’è bisogno di nutrirle fino alla prossima primavera. Puoi anche ridurre le annaffiature, inumidendo il compost solo quando lo senti asciutto al tatto.

Le eccezioni a questa regola sono le piante che sono in fiore, come le viole africane, le orchidee e gli streptocarpus, che dovrebbero essere nutrite e annaffiate ogni due settimane, e decapitate se necessario. Se vuoi imparare a coltivare le orchidee o a coltivare gli streptocarpus, abbiamo molti consigli degli esperti nelle nostre guide.

Quando le giornate si accorciano e diventano più scure, prendersi cura delle piante da interno in inverno significa spostarle dove ricevono più luce, ma assicurati che siano lontane da correnti d’aria e da fonti dirette di calore come caminetti e radiatori.

Nebulizza le piante con acqua a temperatura ambiente per contrastare gli effetti del riscaldamento centrale, che può seccare l’atmosfera, e metti le piante su vassoi di ghiaia umida per aumentare l’umidità intorno alle foglie.

Pulite le foglie di tanto in tanto con un panno morbido e umido per rimuovere la polvere e i parassiti, e controllate anche la presenza di parassiti, perché a loro piace svernare nel calore delle nostre case.

Consiglio: non lasciare mai le piante d’appartamento sui davanzali durante la notte se le tende sono tirate, perché il materiale può intrappolare l’aria fredda che potrebbe danneggiare le piante.

Menu