Come fare, Giardini

Giardinaggio biologico: guida esperta su come fare giardinaggio naturale

Sei interessato a saperne di più sul giardinaggio biologico per scoprire come puoi fare la tua parte per l’ambiente? Siamo qui per aiutarti. Nel tentativo di ridurre la quantità di sostanze nocive artificiali e potenzialmente dannose che mangiamo, un numero sempre maggiore di noi in tutto il mondo sta acquistando prodotti biologici come parte della nostra spesa settimanale. Quindi, per quelli di noi che si occupano anche di giardinaggio, è un passo successivo logico guardare a un modo più naturale di fare anche quello.

Se non vogliamo più che gli agricoltori spruzzino i nostri raccolti con pesticidi e fertilizzanti potenzialmente dannosi, perché dovremmo voler trattare con essi i nostri fiori, frutta e verdura coltivati in casa?

Ma da dove cominciare e quanto è facile passare al giardinaggio biologico? Abbiamo messo insieme una guida di esperti per rispondere alle tue domande. Quindi, che tu sia un principiante desideroso di scoprire le idee di design del giardino biologico o un giardiniere esperto interessato a passare a metodi di giardinaggio più biologici, la nostra guida ha molto da ispirare.

Cos’è il giardinaggio biologico?

giardinaggio biologico: appezzamento veg

Il giardinaggio biologico significa, molto semplicemente, coltivare le piante senza l’uso di prodotti chimici di sintesi. Lavorando con la natura piuttosto che cercare di piegarla alla propria volontà spruzzando per uccidere le cose e nutrendosi artificialmente per incoraggiare la crescita e la fioritura, il giardino inizia a proteggersi da solo e le piante iniziano a prosperare con un intervento minimo. Ogni aspetto di un giardino può essere gestito biologicamente: fiori, alberi, arbusti e prati, così come verdure, frutta ed erbe, contenitori e cassette per le finestre, e puoi farlo in qualsiasi parte del mondo tu viva e qualsiasi tipo di spazio esterno tu abbia.

L’idea è quella di lavorare con i punti di forza e le caratteristiche del tuo giardino piuttosto che contro di essi, scegliendo le piante che sono adatte alle tue condizioni particolari, ed evitando di coltivare qualsiasi cosa che richieda un aiuto artificiale per mantenerla sana”, dice. Io stesso sono appassionato di giardinaggio biologico e lo faccio da più di 30 anni. Come risultato, ora ho un giardino che brulica di fauna selvatica, e l’accumulo di insetti benefici che sono stati autorizzati a prosperare grazie alla mancanza di interventi chimici rende improbabili epidemie di qualsiasi parassita”.

Non sono solo i giardinieri britannici ad essere appassionati di giardinaggio biologico. Jo-Ellen Meyers Sharp, presidente di GardenComm negli Stati Uniti, è un noto relatore in materia di giardinaggio negli Stati Uniti ed è stata lei stessa un giardiniere biologico per molti anni. C’è un enorme interesse qui ora”, dice, “specialmente per i principianti che si sono avvicinati al giardinaggio durante la pandemia dell’anno scorso. Io lo faccio perché voglio sapere con cosa sono state trattate le mie piante”. La sfida principale è imparare la pazienza per permettere a Madre Natura di fare il suo lavoro, specialmente quando vedi una pianta con danni da insetti”.

In Australia è la stessa storia. La nostra emittente nazionale produce un programma settimanale molto popolare sul giardinaggio chiamato Gardening Australia, ed è tutto sulla coltivazione biologica”, dice l’ex presentatore dello show Stephen Ryan, che ora ospita il canale YouTube The Horti-Culturalists. Il mio giardino di un acro è completamente organico. Non ci sono rifiuti verdi che se ne vanno e ne importo anche di più – scarti verdi dal supermercato locale e fondi di caffè usati da un caffè. Tutte le nostre acque grigie e nere passano anche attraverso un sistema di wc a compost con vermi, così che in realtà nulla di organico lascia l’edificio!

Perché il giardinaggio biologico è importante?

giardinaggio biologico: letti rialzati

Oltre ai potenziali benefici per la salute per te e la tua famiglia derivanti dall’eliminazione dell’uso di prodotti chimici, facendo giardinaggio biologico stai facendo la tua parte per proteggere anche l’ambiente nel suo complesso. Garden Organic, un’organizzazione che fornisce consigli pratici per i coltivatori biologici, lo dice molto semplicemente: “La migliore opzione per proteggere le nostre scorte alimentari, l’ambiente, la salute e il benessere”, dicono, “è usare metodi di coltivazione biologica”.

Come posso iniziare un orto biologico?

giardinaggio biologico: letti rastrellati

Qualsiasi tipo di giardino è adatto al giardinaggio biologico, e non richiede altri strumenti oltre a quelli che useresti per il giardinaggio convenzionale. Con un po’ di pianificazione, non richiederà molto più tempo di quello che già dedichi al giardino.

Il primo passo verso il giardinaggio biologico è stabilire che tipo di terreno avete, e la nostra guida ai tipi di terreno è un ottimo punto di partenza. Diverse piante preferiscono diverse condizioni del terreno, e il modo migliore per coltivarle con il minimo intervento è quello di piantare quelle che probabilmente saranno felici nel vostro giardino. Non ha senso lottare per far crescere piante acide come rododendri e azalee, per esempio, se il vostro terreno è alcalino. Nei centri di giardinaggio è possibile acquistare un tester di pH poco costoso per verificare se il vostro terreno è acido o alcalino.

Oltre a preferire spesso un particolare tipo di terreno, le piante possono essere esigenti anche riguardo ad altre condizioni di crescita. Quindi valutate le diverse aree del vostro giardino – quali idee di aiuola funzioneranno meglio in una zona ombreggiata o in una in pieno sole, quali parti del vostro giardino sono asciutte e quali sono un po’ paludose? Poi scegliete le vostre piante di conseguenza.

Come posso controllare i parassiti e le malattie se faccio giardinaggio biologico?

giardinaggio biologico: laghetto con fontana a energia solare

Questa è spesso la più grande preoccupazione per chi sta considerando il giardinaggio biologico, soprattutto se si è abituati a prendere lo spray pesticida al primo accenno di invasione di mosche nere. Ma il modo migliore per affrontare le malattie in giardino senza usare prodotti chimici è quello di evitare il problema in primo luogo.

Prendetevi cura delle vostre piante fin dall’inizio, scegliete varietà note per essere particolarmente resistenti alle malattie e optate solo per quelle adatte al vostro terreno e alla vostra situazione, e avrete la possibilità di mantenere un giardino rigoglioso senza dover ricorrere a prodotti chimici.

Anche se ogni pianta ha il suo parassita, ogni parassita ha il suo predatore”, dice Alan Titchmarsh. Così i giardinieri biologici incoraggiano gli uccelli mangiatori di insetti piantando arbusti e alberi per fornire cibo e siti di nidificazione. E l’aggiunta di uno stagno porta anche rospi e tritoni mangiatori di parassiti”. Vai alla nostra guida su come costruire uno stagno da giardino per l’ispirazione.

giardinaggio biologico: cinciallegra in giardino

La coppia media di cinciallegre blu raccoglierà fino a 15.000 bruchi per i loro piccoli in primavera, quindi sono sicuramente da considerare come gli amici del giardiniere biologico! Le conifere e le clematidi a crescita rapida sono buone scelte per incoraggiarle a nidificare, e l’agrifoglio e la mahonia forniranno loro una fornitura abbondante di bacche. Puoi trovare altri consigli su come attirare gli uccelli nel tuo giardino nella nostra guida.

Coccinelle e sirfidi sono il miglior controllo per afidi come greenfly e mosca nera – Limnanthes douglasii e Convolvulus tricolor sono facili da coltivare nella maggior parte dei climi e li incoraggeranno nel vostro giardino.

Metodi antiquati come spruzzare gli afidi con acqua e sapone di un nebulizzatore domestico (il tipo che si usa quando si stira), mettere mezzo pompelmo pieno di birra nel bordo per intrappolare le lumache, o semplicemente raccogliere i parassiti con le dita e schiacciarli (se si può sopportare) funzionano bene. Le lumache possono essere scoraggiate anche con barriere di sale o aghi di pino intorno alle piante suscettibili. Ci sono altri consigli su come sbarazzarsi delle lumache in giardino nella nostra guida.

Quali sono i vantaggi del companion planting per il giardinaggio biologico?

giardinaggio biologico: basilico e pomodori in un giardino

I giardinieri di un tempo conoscevano molto bene il principio del ‘companion planting’: coltivare alcune piante insieme per aiutare a scacciare i parassiti, allontanare le malattie e quindi ottenere raccolti più abbondanti. Molte di queste idee secolari sono valide ancora oggi e sono ideali per il giardinaggio biologico.

Le piante dall’odore forte possono essere usate per allontanare i parassiti dal profumo delle preziose colture vegetali, per esempio – i nasturzi pepati possono aiutare a tenere la mosca nera lontana dalle fave attirandola invece verso di sé, mentre il basilico non solo aiuta a tenere lontani gli afidi dai pomodori ma si dice anche che ne migliori il sapore.

L’erba saporita estiva è un buon deterrente per la mosca nera delle fave, e se vi state documentando su come coltivare le carote, interpiantare con cipollotti (scalogni) – l’odore di cipolla può aiutare a scoraggiare la mosca delle radici delle carote. Usa la menta per tenere lontane le pulci dalle foglie di ravanello.

Se stai imparando a coltivare le rose, è probabile che siano più sane se pianti degli spicchi d’aglio alla loro base. Allo stesso modo, mettete alcune calendule francesi nella serra e il forte odore dovrebbe aiutare a tenere lontane le mosche bianche.

giardinaggio biologico: lumaca su foglia

Un mucchio di foglie di lattuga lasciate ai lati dell’orto attirerà le lumache lontano dalle colture – basta rimuovere le lumache ogni mattina. Coltiva più piante di aneto e finocchio di quelle che ti servono e lascia che alcune fioriscano – attireranno i sirfidi, che a loro volta aiuteranno ad allontanare gli afidi da tutti i tipi di colture. E coltivare piselli dolci vicino a qualsiasi tipo di fagioli attirerà gli impollinatori verso di loro.

Vuoi saperne di più? La nostra guida al companion planting è ricca di consigli utili su quali combinazioni piantare fianco a fianco.

Come mi sbarazzo delle erbacce in un giardino biologico?

giardinaggio biologico: aiuola con fiori colorati

Le erbacce indesiderate competono con le tue piante per il cibo e l’acqua. Invece di usare spray per il diserbo, le alternative efficaci includono la zappatura, la pacciamatura (uno spesso strato protettivo steso sul terreno per evitare che la luce raggiunga le erbacce), il diserbo a mano e l’uso del calore sotto forma di un dispositivo a fiamma appositamente progettato (dai garden center).

Ma la chiave è non lasciare mai la terra nuda nelle aiuole e nelle bordure, in modo che ci sia meno spazio per la crescita delle erbacce: imballate le piante e usate un pacciame come corteccia, trucioli di legno, terriccio di foglie, gusci di cacao o ghiaia intorno ad esse. Se alcune erbacce riescono ancora a passare, tagliatele appena i boccioli dei fiori cominciano ad apparire, in modo che non abbiano la possibilità di seminare e diffondersi.

Potete privare le erbacce di ancora più luce organizzando la vostra piantumazione in livelli: iniziate con le migliori piante da copertura del terreno; poi aggiungete arbusti di medie dimensioni, e finite con arbusti più alti, alberi e le migliori piante rampicanti sul retro del confine.

Vai alla nostra guida su come diserbare un giardino per altri consigli.

Usa il metodo no dig per il giardinaggio biologico

giardinaggio biologico: aiuola appena pacciamata

C’è un’altra soluzione al problema delle erbacce che sta avendo un enorme seguito – molte persone in tutto il mondo ora giurano sul metodo “no dig”. L’idea è stata promossa dall’australiana Esther Deans negli anni ’70, e Ruth Stout ha sostenuto una tecnica simile di pacciamatura del giardino in America negli anni ’50 e ’60.

L’idea è che piuttosto che seguire la solita usanza di scavare abitualmente il terreno in ogni stagione, invece lo si copre semplicemente con uno spesso strato di compost da giardino o letame ben marcio come pacciamatura ogni anno. Questo alimenta i microrganismi nel terreno senza disturbarli, dandoti un giardino produttivo che richiede molto meno lavoro. E ci sono meno erbacce, perché i semi ospitati nel terreno non sono stati portati in superficie dal continuo scavare.

Il terreno che si ricopre di compost viene poi aerato e drenato da vermi ben nutriti e altre forme di vita del suolo”, dice Charles Dowding. Sei quindi libero di concentrarti sulla semina, la semina e il raccolto: il giardinaggio diventa veloce, facile e super produttivo”.

Come faccio a nutrire le mie piante in un giardino biologico?

prendere il compost da una compostiera

L’alimentazione delle piante riguarda la biologia (funghi) più che la chimica (nutrienti/minerali)”, spiega Charles Dowding, “e il metodo no dig aumenta la capacità delle piante di trovare cibo.

I pacciami di compost fungono da rapida fonte di cibo per gli organismi del suolo e migliorano la loro attività, migliorando così la struttura del suolo. La maggior parte del suolo ha già una struttura che permette alle radici di crescere e ai nutrienti di nutrire le piante, ed è piena di organismi che favoriscono la crescita. Miliardi di filamenti fungini, nematodi e lombrichi – per citarne solo alcuni – sono utili proprio sotto i nostri piedi. Dobbiamo aiutarli ad aiutarci. Gli organismi si nutrono di materia organica in superficie, come in natura ma più velocemente, permettendo così al suolo di fare la sua magia. Le radici chiedono ai funghi cibo e umidità, e i funghi lavorano meglio quando sono indisturbati, ed è per questo che si vede una crescita più forte in un terreno senza scavi”.

Perché non si dovrebbe usare la torba nel giardinaggio biologico?

giardinaggio biologico: torba libera

Per decenni, la torba è stata usata come componente principale del compost per piante acquistato nei garden center. Ma per raccogliere la torba su larga scala industriale, grandi distese di torbiere di pianura devono essere distrutte o danneggiate. Questo è importante perché supportano molte specie rare e in via di estinzione di piante e animali selvatici e non possono essere rigenerate – ci vuole un anno per creare solo 1 mm di torba.

Inoltre, la torba è anche la migliore e più grande riserva terrestre di carbonio, uno dei dannosi gas serra del pianeta – è più efficiente in questo rispetto a qualsiasi altro ecosistema, comprese le foreste. E le piante da giardino non hanno bisogno di torba.

Garden Organic accoglie con favore iniziative come questa. La torba non ha posto nel giardino”, dice l’amministratore delegato James Campbell. Per oltre 30 anni abbiamo fatto una campagna contro di essa, e la nostra campagna For Peat’s Sake sta spingendo l’agenda della torba nel mondo dell’orticoltura. Il suo scopo non è solo quello di eliminare la torba dal compost e dalle miscele di terriccio, ma anche di aiutare i giardinieri di tutto il mondo a essere senza torba e orgogliosi!

6 semplici passi verso il giardinaggio biologico

giardinaggio biologico: giardino di casa con orto

Vuoi creare un giardino ecologico? Prova questi sei semplici passi per iniziare il tuo viaggio nel giardinaggio biologico.

  1. Tratta il tuo terreno in modo biologico, usando compost o letame animale piuttosto che fertilizzanti artificiali.
  2. Scegli le piante adatte al tuo sito e al tuo terreno.
  3. Coltiva varietà resistenti ai parassiti e alle malattie, riducendo la necessità di pesticidi e fungicidi artificiali.
  4. Coltivare piante che incoraggino la fauna selvatica e quindi i predatori naturali.
  5. Controllare i parassiti con barriere, trappole e coperture.
  6. Riciclare dove possibile (per esempio, facendo il compost e raccogliendo l’acqua piovana).
Menu