Come fare, Giardini

Come creare un giardino ecologico: 15 modi per diventare verde

Imparare a creare un giardino ecologico è più facile di quanto si possa pensare – solo pochi semplici cambiamenti possono fare una grande differenza per l’impatto del tuo giardino sull’ambiente. È facile sentirsi sopraffatti dagli enormi problemi ambientali che minacciano il nostro pianeta in questo momento e si potrebbe essere perdonati per essersi chiesti come qualsiasi cosa si faccia nel proprio giardino possa fare la differenza.

E soprattutto, creare un giardino che sia più favorevole agli impollinatori e alla fauna selvatica, che usi meno risorse naturali – comprese acqua e torba – e che non inquini l’ambiente non è davvero così difficile.

1. Pianta per gli impollinatori

come creare un giardino ecologico: Piantare fiori selvatici in un giardino

Il recente declino del numero di api e di altri insetti impollinatori potrebbe avere gravi conseguenze per tutti noi, perché molte colture alimentari dipendono da loro. Quindi uno dei consigli più semplici per creare un giardino ecologico è quello di scegliere un sacco di piante amiche delle api, e includere una varietà di forme di fiori diversi per soddisfare le diverse abitudini di alimentazione – alcune api hanno lingue molto lunghe e amano i fiori tubolari di foxgloves, mentre altri impollinatori preferiscono i fiori aperti di echinacea e buddleia, per esempio. Evita i fiori “doppi” con petali stratificati – questi a volte non hanno nettare o polline, ma anche quando lo hanno, i petali extra rendono difficile l’accesso agli impollinatori.

Dato che gli insetti benefici amano i fiori selvatici, potresti anche piantare un mini prato in una parte soleggiata del tuo giardino. Prova la bella miscela di semi di fiori selvatici Bee and Pollinators di The Grass People, che ha un buon equilibrio di annuali, perenni ed erbe.

2. Dare una casa alla fauna selvatica

come creare un giardino ecologico: buco del riccio in un recinto del giardino

Un giardino perfettamente curato non è molto accogliente per la fauna selvatica, quindi considera la possibilità di lasciare almeno una piccola sezione del tuo giardino un po’ incolta – lascia un po’ di ortiche in un angolo nascosto, e non togliere tutto il legno dopo aver potato un albero, per esempio.

Metti delle cassette per uccelli e pipistrelli e segui la nostra guida su come fare un hotel per insetti: può essere semplice come legare insieme delle canne da giardino vuote e creare la casa perfetta per diverse specie di api.

Ci sono alcune belle case per ricci sul mercato, ma se il perimetro del tuo giardino ha delle recinzioni, i maiali non potranno entrare. Fai un piccolo foro di 15 x 15 cm alla base di un pannello di recinzione se puoi e incoraggia i tuoi vicini a fare lo stesso, per facilitare i viaggi notturni dei ricci.

Una siepe è molto più amichevole per la fauna selvatica in generale rispetto alle idee di recinzione da giardino o a un muro, offrendo siti di nidificazione per gli uccelli e protezione dai predatori a tutti i tipi di piccoli mammiferi. Ma se un recinto o un muro è l’unica opzione, rivestitelo di rampicanti – l’edera, per esempio, è una ricca fonte di nettare in autunno e in inverno quando c’è poco cibo in giro.

Un altro grande top su come creare un giardino ecologico è quello di incoraggiare la fauna selvatica costruendo un piccolo stagno – in realtà, anche solo l’acqua in un grande vaso o mezzo barile darà risultati. In poche ore, troverete insetti benefici e uccelli che bevono dall’acqua, e rane, rospi e persino tritoni seguiranno presto. Ci sono consigli su come costruire un laghetto da giardino nella nostra guida.

3. Conservare l’acqua

come creare un giardino ecologico: Sistema di irrigazione automatica in giardino

Usiamo molta acqua nei nostri giardini, ma molta viene sprecata. Pochissimi arbusti e piante perenni hanno bisogno di acqua extra una volta che si sono stabiliti, ma per quelli appena piantati o che tendono a seccarsi nella stagione calda, assicuratevi di innaffiare le radici e non il fogliame. Controlla la guida al miglior tubo da giardino per le nostre migliori scelte.

Se sei seriamente intenzionato a creare un giardino ecologico, invece di annaffiare poco e spesso, che incoraggia le radici a rimanere vicino alla superficie dove si asciugheranno più rapidamente, annaffia molto accuratamente una volta alla settimana. Questo costringe le radici a scendere più in profondità e trovare da sole l’umidità. Un annaffiatoio per pianta a settimana dovrebbe essere sufficiente – se usate un tubo, contate quanti secondi ci vogliono per riempire un annaffiatoio e replicate per ogni pianta. L’applicazione di una spessa pacciamatura di materia organica intorno alla base delle piante in primavera contribuirà a bloccare l’umidità.

Le piante in vaso avranno bisogno di annaffiature più regolari, anche se i granuli che trattengono l’acqua e che si spargono nel terriccio aiutano a mantenerlo umido più a lungo. La soluzione migliore è un sistema di irrigazione automatico che assicuri che tutte le piante – in vaso, in bordura e in serra – ricevano l’acqua solo quando ne hanno bisogno. La gamma Micro Drip System di Gardena utilizza tubi gocciolanti che funzionano un po’ come un sistema di riscaldamento a pavimento in combinazione con sensori di umidità del suolo o di pioggia, e possono ridurre il consumo di acqua fino al 70%. Tutto quello che devi fare è inserire i comandi sull’app Gardena e il sistema farà il resto.

Uno dei maggiori responsabili dello spreco d’acqua in giardino è l’irrigatore del prato. Seguite invece i nostri consigli su come tagliare il prato: nella stagione calda tenete le lame più alte per evitare che il terreno si secchi così rapidamente e che l’erba rimanga più verde più a lungo, il che significa che l’irrigazione non è necessaria.

Quando piove, assicurati di risparmiare fino all’ultima goccia montando un serbatoio d’acqua su ogni tubo di scarico. Non è necessario attenersi alla solita versione verde noiosa, perché ci sono alcuni design molto attraenti in giro ora, e molti di loro si raddoppiano anche come fioriere.

Se hai lo spazio, potresti anche considerare una cisterna sotterranea per la pioggia. Quelle più grandi possono facilmente raccogliere abbastanza acqua per un giardino medio, e si può usare l’acqua per tirare lo sciacquone del WC.

4. Via libera alla torba

come creare un giardino ecologico: Spargere il pacciame in un'aiuola

La torba è stata uno dei componenti principali del terriccio per decenni, ma estrarla può distruggere ecosistemi unici che impiegano secoli per formarsi, causando danni irreparabili agli habitat naturali, e poiché si forma molto lentamente, non è sostenibile. Ma ora ci sono diversi buoni compost senza torba e a torba ridotta per il rinvaso disponibili. Il Premium Peat Free All Purpose Compost di Miracle-Gro contiene fibra di cocco, un componente organico che fornisce un buon equilibrio del PH, e incorpora anche un fertilizzante a rilascio intelligente che mantiene le piante nutrite fino a tre mesi.

In molte aree del Italia, il compost viene ora prodotto dai rifiuti locali e rivenduto ai residenti. Nello Rimini, Yorganics Compost usa rifiuti domestici che vengono lavorati, triturati, frantumati e arrotolati più volte, producendo abbastanza calore da renderlo privo di erbacce. È adatto per l’uso su alberi da frutto e cespugli, orti, fiori, alberi e arbusti, cesti appesi e piante in crescita da seme, ed è anche un buon mangime e condimento per il prato.

Per dare alle piante una spinta nutritiva in più, può essere mescolato con del letame ben marcio. È disponibile in singoli sacchi da 40 litri (5 euro), o in un sacco da 800 kg, 90 euro, ed è disponibile in molti punti vendita locali o da logsdirect.co.uk. Cercate schemi simili nel vostro quartiere.

5. Pianta un albero

come creare un giardino ecologico: un'area relax in un giardino ombreggiato

Secondo una recente ricerca, i giardini con alberi sono più attraenti per la fauna selvatica rispetto a quelli senza, quindi aggiungerne qualcuno al tuo spazio è fondamentale se vuoi imparare a creare un giardino ecologico.

Anche nel giardino più piccolo, di solito c’è spazio per infilare un piccolo albero – prova un acero giapponese (Acer palmatum), un melo granchio come l’eretto ‘Golden Hornet’, o la minuscola Magnolia stellata, per esempio.

6. Riciclare e riutilizzare

come creare un giardino ecologico: trio di vasi realizzati con materiali riciclati

I vasi di plastica sono uno dei maggiori problemi se stai seguendo i consigli su come creare un giardino ecologico. Molti vasi di plastica, specialmente quelli neri onnipresenti, non possono essere riciclati e finiscono in discarica. Alcuni centri di giardinaggio ora offrono un servizio di riciclaggio per i vasi di plastica, ma riutilizzate quelli che avete già il più possibile, per la semina e la crescita delle piantine. Quando compri nuove piante, cerca uno dei sempre più numerosi vivai che tolgono le piante dai loro vasi di plastica e le avvolgono in carta riciclata per portarle a casa.

Invece di comprare nuovi vasi per la semina, usa vecchie scatole per le uova e la camera d’aria di cartone dei rotoli di carta igienica – funzionano benissimo per questo e si biodegradano se li pianti direttamente nel terreno quando le piante sono abbastanza grandi per uscire.

Se stai comprando nuove attrezzature e accessori, opta per quelli realizzati con materiali riciclati. La gamma ECO Garden di Primeur, per esempio, composta da pietre da calpestare, bordure, piastrelle da terrazza e vasi, utilizza pneumatici riciclati. A parte il fatto che i pneumatici impiegherebbero fino a 80 anni per decomporsi nelle discariche, il vantaggio di usare la gomma riciclata è che è antiscivolo, non si crepa o sbiadisce quando fa caldo ed è anche leggera. Naturalmente non è sempre necessario acquistare il nuovo – un giro nei cantieri di recupero è un modo divertente per trovare accessori da giardino usati che difficilmente si vedono altrove.

La pavimentazione in cemento riciclato è ormai ampiamente disponibile e può essere una buona opzione per le tue idee ecologiche.

7. Coltiva il tuo cibo

come creare un giardino ecologico: piante di pomodoro

Se volete ridurre il vostro impatto ambientale e tagliare le spese del supermercato, perché non trasformare una parte del vostro giardino in un orto e iniziare a coltivare la vostra frutta e verdura?

I prodotti del supermercato hanno spesso trascorso giorni viaggiando per centinaia di chilometri prima di raggiungere gli scaffali, ma niente batte il gusto di piselli e fagioli cotti in pochi minuti dalla raccolta, e un pomodoro coltivato in casa, ancora caldo dal sole, è una rivelazione – in più, non ci sono chilometri alimentari coinvolti. Includete un ciliegio o un melo autoctono nei vostri piani di coltivazione, se lo spazio lo permette.

8. Fai il tuo compost

come creare un giardino ecologico: Bidone per il compost con design ad alveare

C’è qualcosa di incredibilmente soddisfacente nel fare il proprio compost da erba tagliata e bucce di verdure che altrimenti andrebbero sprecate, ed è semplice da fare. È possibile acquistare bidoni speciali che tengono tutto pulito e ordinato, ma tutto ciò di cui hai davvero bisogno quando pensi a come creare un giardino ecologico è un angolo del giardino che sia fuori mano ma non troppo ombreggiato.

Per quanto riguarda il compostaggio, aggiungi i tuoi ritagli d’erba, più tutte le bucce delle verdure, le potature, le cimature delle siepi, i giornali e i cartoni sminuzzati – anche il contenuto del sacco dell’aspirapolvere. Puoi compostare anche le foglie autunnali, ma tienile separate perché si decompongono più lentamente.

Poi aspetta che avvenga la magia, girando il mucchio di compost di tanto in tanto con una forchetta. In sei mesi o un anno dovresti avere una bella miscela friabile e friabile, pronta per essere usata come pacciamatura, per mantenere l’umidità nel terreno e migliorarne la consistenza, riducendo la necessità di irrigazione e migliorando la salute delle piante.

Se vuoi accelerare le cose, perché non investire in una compostiera calda Aerobin? Sfrutta il processo naturale di compostaggio aerobico (o caldo), e il lavoro è fatto da sani microrganismi decompositori. Questi hanno bisogno di cibo (carbonio e azoto), aria e acqua e quando hanno questi elementi nel giusto equilibrio, il compost viene prodotto molto rapidamente – entro 12 settimane, in condizioni ideali. Ci sono altri consigli su questo metodo nella nostra guida al compostaggio a caldo.

9. Passare al biologico

come creare un giardino ecologico: Mangime biologico Miraclegro

Scegliendo prodotti biologici per nutrire e trattare le tue piante, ridurrai la possibilità di danneggiare inavvertitamente gli insetti benefici e non aggiungerai nemmeno prodotti chimici inutili al tuo terreno.

Ci sono ora versioni biologiche di tutto, dal controllo delle lumache al fertilizzante e all’ammendante. Dai una spinta in più alle coltivazioni di frutta e verdura con un fertilizzante liquido come MiracleGro Performance Organics Fruit & Veg Liquid Concentrate Food, che viene fornito in una bottiglia riciclata e riciclabile al 100%.

10: Utilizzare materiali locali

come creare un giardino ecologico: pavimentazione in pietra a doghe lunghe con contorno di ghiaia

Quando si tratta di combinare come creare un giardino ecologico e fare le giuste scelte paesaggistiche, l’acquisto di pavimentazione e mattoni che non hanno viaggiato per centinaia o addirittura migliaia di chilometri per arrivare al tuo terreno aiuterà a ridurre notevolmente l’impronta di carbonio del tuo giardino – e a sostenere anche le imprese vicine.

Inoltre, oltre ad essere rispettosi dell’ambiente, i materiali locali si inseriscono meglio nel paesaggio rispetto a quelli importati da altri luoghi, quindi il vostro giardino rinnovato avrà un aspetto più naturale e consolidato fin dall’inizio.

11. Fate in modo che sia autoctono

come creare un giardino ecologico: Pulsatilla vulgaris Anemone pulsatilla, Pasqueflower di Thompson & Morgan

Uno dei modi migliori per creare un giardino ecologico è quello di includere piante autoctone nei vostri confini e attirare la fauna selvatica nel vostro spazio. Di solito sono facili da coltivare e da curare, e tendono ad essere più resistenti ai parassiti e alle malattie rispetto alle varietà non autoctone. Fate una piccola ricerca online prima di acquistare piante da vivai e centri di giardinaggio per vedere quali sono originarie della vostra regione o paese.

12. Inverdire i muri

come creare un giardino ecologico: Rosa rampicante Mortimer Sackler

Far crescere le migliori piante rampicanti sui muri di casa non solo è bello, ma intrappola anche l’aria, aiutando a isolare la casa e potenzialmente a ridurre i costi di riscaldamento. Questo può essere particolarmente utile nelle proprietà più vecchie che sono difficili da isolare, e sul lato nord più freddo delle proprietà.

Al contrario, i rampicanti sul muro di una casa esposta a sud deviano il calore del sole e possono anche aiutare a ridurre l’effetto isola di calore urbano nelle città. Usate rampicanti come il glicine o arbusti a crescita più lenta: la pyracantha arancione, rossa o gialla può essere splendida.

13. Abbandona i prodotti chimici

come creare un giardino ecologico: piantagione di cottage garden

Molti giardinieri stanno scegliendo di non usare insetticidi e pesticidi chimici in giardino quando ci sono alternative naturali. La mosca verde può essere eliminata dalle piante con un getto d’acqua da un tubo, i bruchi possono essere raccolti a mano (o, meglio ancora, coprire le piante con un telo da giardino all’inizio della stagione), le lumache possono essere tenute sotto controllo con piccoli piatti di birra posti vicino alle piante vulnerabili – e se incoraggiate i ricci nel vostro giardino, scoprirete presto che la popolazione di lumache diminuisce significativamente comunque. Abbiamo molti consigli su come sbarazzarsi delle lumache in giardino anche nella nostra guida.

Molte malattie comuni come la macchia nera sulle rose possono essere prevenute spruzzando regolarmente le piante con un tonico organico – SB Plant Invigorator è uno particolarmente buono da provare. Anche le cipolle e l’erba cipollina coltivate intorno alle rose possono aiutare a combattere la macchia nera.

14. Fai il tuo fertilizzante

come creare un giardino ecologico: letto di ortiche davanti a una recinzione

Invece di comprare costosi fertilizzanti già pronti, potete fare il vostro tè all’ortica o alla consolida in modo semplice ed economico. Coltiva un pezzo di consolida o di ortica appositamente per questo scopo, o raccogli le ortiche a livello locale. Mettetele in un secchio d’acqua (una parte di foglie per dieci parti d’acqua) e mettetele da parte per qualche giorno. Il liquido che ne risulta è un meraviglioso nutrimento per le piante gratis.

Quando le ortiche e la consolida sono in fiore, attirano anche gli insetti benefici (le ortiche, in particolare, sono amate dalle piccole farfalle tartaruga e pavone le cui larve si nutrono degli steli).

15. Lascia il tuo prato

come creare un giardino ecologico: consigli e trucchi per tagliare il prato

Una delle migliori idee per creare un giardino ecologico e attirare gli impollinatori nel tuo appezzamento è quella di lasciare una parte o tutto il tuo prato a crescere senza tagliarlo fino alla fine dell’estate. Tagliare un sentiero attraverso o intorno farà in modo che sembri pianificato piuttosto che semplicemente trasandato. Potreste essere sorpresi di quanti fiori selvatici appaiono tra l’erba anche solo nella prima stagione.

Anche se non puoi sopportare di far crescere completamente il tuo prato, considera di aspettare più a lungo del solito prima di tirare fuori la falciatrice – le erbacce del prato come i denti di leone forniscono polline all’inizio della stagione, mentre il trifoglio bianco è sempre un grande successo per le api, e il trifoglio rosso è il fiore preferito dai bombi.

Quando tagliate il vostro prato, provate il ‘grasscycling’ – lasciando i residui d’erba sul prato dopo la rasatura per fornire un fertilizzante naturale per l’erba e aiutare a trattenere l’umidità nel terreno. Usare il miglior tosaerba con un dispositivo di mulching è un modo semplice per farlo – rimettono in circolo e tagliano nuovamente i ritagli d’erba, creando un fine pacciame che viene restituito al prato dove si decompone rapidamente, rimettendo preziose sostanze nutritive nel terreno. Se ti senti pigro, i migliori robot tagliaerba falciano automaticamente il tuo prato e lo pacciamano a orari prestabiliti senza che tu debba alzare un dito!

Menu