Come fare, Giardinaggio

Come coltivare i fichi: consigli degli esperti su come piantare, coltivare e raccogliere

Una volta che avrete imparato a coltivare i fichi, sarete stupiti di quanto possa essere facile e divertente. Sensuali e giocosi, morbidi e croccanti, questi dolci tesori sono disponibili in tutti i tipi di varietà, dal verde crema ai grappoli viola afoso. Di origine mediterranea, ma sorprendentemente adattabile a climi più temperati, tutto ciò che serve è un posto soleggiato e riparato e un po’ di pazienza – e anche tu potrai assaggiare queste delizie fruttate.

Per coloro che hanno mangiato solo rotoli di fichi secchi e appiattiti, le meraviglie dei fichi freschi coltivati in casa possono essere una sorpresa. Allo stesso tempo rustici ed esotici, combinano sapori lontani e soleggiati con tecniche di coltivazione semplici e dirette che possono essere gestite in qualsiasi giardino – a patto di avere un po’ di sole. Questo frutto singolare con le sue foglie dense e a forma di piatto da portata offre anche una serie di benefici per la salute. Ricchi di antiossidanti, calcio, potassio, fibre e prebiotici, i fichi sono ottimi per pulire il sistema digestivo, illuminare la pelle e prevenire i danni cellulari.

Quindi, forza, regalate alle vostre idee di orto un fico che combina un fascino altamente ornamentale con mesi di sontuosi spuntini. Tutto ciò di cui avete bisogno è un anno, e un muro soleggiato esposto a sud, una recinzione, una bordura o un grande contenitore per garantire un raccolto sublime e lussurioso. Qui vi spiegheremo i semplici segreti di piantagione, potatura e raccolta per coltivare un banchetto di piaceri a base di fichi che potrete gustare negli anni a venire.

Come coltivare i fichi: come iniziare

Imparare a coltivare i fichi ti ricompenserà con raccolti sublimi che si sviluppano in modo insolito. A differenza di altri alberi da frutto, il fico comune (Ficus carica) si sviluppa da fiori che crescono internamente, quindi non si vedono. Questi fiori crescono all’interno dei baccelli carnosi che chiamiamo frutti. Tuttavia, il baccello (o syconium) è in realtà un ricettacolo per i molti fiori rovesciati che sono maturati all’interno. Tuttavia, non è meno gustoso per questo!

Si è tentati di supporre, con un raccolto così insolito, che siano necessarie tecniche di coltivazione speciali? Non è così! I fichi (parte della famiglia delle Moraceae) hanno la reputazione di essere capricciosi, ma tutto ciò che vogliono è calore e luce del sole, e molto. Originari di luoghi come il Mediterraneo, l’Asia occidentale e la California, queste colture sono fedeli adoratori del sole, e sono una scelta perfetta se state cercando di aggiungere alcune idee di giardino mediterraneo al vostro terreno. Il trucco principale da ricordare è quello di alimentare il bisogno di sole del fico.

Nei suoi climi nativi, la vicinanza all’equatore gli permette di produrre quasi continuamente, con diversi raccolti all’anno. Tuttavia, basta un solo albero per un bel banchetto; l’impollinazione non è necessaria, perché i fichi sono autofertili. Se vivete in un clima con estati moderate, scegliete una varietà resistente. Il ‘Brown Turkey’ è il più prolifico, ma anche ‘Brunswick’, ‘White Marseilles’ e ‘Rouge de Bordeaux’.

La chiave per imparare a coltivare i fichi è replicare il loro bisogno di condizioni di crescita più dure. Oltre alla luce del sole, questo implica assicurarsi che cresca da una base ristretta – in un contenitore o vicino a un muro o una recinzione del giardino esposto a sud. Sorprendentemente, i fichi richiedono una limitazione delle radici sotto i piedi per raggiungere il loro pieno potenziale. Esempi di esemplari di 30 piedi/9 metri con una splendida crescita architettonica e un massiccio fogliame lobato non sono insoliti, anche in piccoli giardini. Tutto quello che dovete fare è ingannare la pianta facendole credere di crescere su una collina rocciosa del Mediterraneo.

Basta assicurarsi che gli alberi abbiano una protezione invernale adeguata, e questi alberi resistenti cresceranno felicemente in luoghi ristretti e in una varietà di tipi di terreno. Gli alberi di fico richiedono poca manutenzione e rispondono bene anche a piccoli periodi di abbandono.

Fichi Violette Dauphine alla raccolta

Quando coltivare i fichi

Ora che sei pronto a scoprire come coltivare i fichi, devi prendere un’altra decisione. Hai intenzione di comprare i tuoi fichi come alberi da piantare o vuoi imparare come prendere le talee dalle piante e far crescere nuove piante di fico come talee dai tuoi alberi esistenti? Entrambe le opzioni ti permettono di coltivare fichi sani in casa – a patto che tu sappia quali sono i tempi migliori per la coltivazione e come aumentare il tuo tasso di successo.

Ci sono due momenti ottimali per piantare un albero di fico: in autunno (settembre-novembre) in modo che abbia il tempo di stabilirsi, o in marzo-aprile prima che le cose comincino a scaldarsi. Basta assicurarsi che il terreno non sia bagnato o congelato, o che non ci sia il rischio di gelate; scegliere una giornata mite per piantare, e scegliere un posto riparato che benefici della maggior parte del sole. Pianta vicino a un muro o a un recinto del giardino per una maggiore protezione contro le correnti d’aria e il freddo. Dovresti anche piantare il prima possibile dopo l’acquisto del fico.

Se vuoi iniziare le talee da un albero di fico esistente, la regola generale è di farlo quando la pianta è dormiente (a riposo). Il tardo autunno/autunno è il momento migliore, idealmente prima che il clima invernale più freddo morda. Puoi propagare in altri momenti mentre l’albero è in crescita – basta che tu sia pronto a prendere più talee come polizza di assicurazione. Di solito ci vogliono due-quattro settimane perché le talee radichino.

Le talee hanno più probabilità di radicare se le prendete durante la dormienza autunnale/invernale. Infatti, i fichi sono tra gli alberi da frutto più facili da propagare con le talee. Queste talee invernali sono conosciute come talee di legno duro. Se prendete le talee in estate, potreste trovare utile rimuovere tutte le foglie e conservare le talee in frigorifero per qualche settimana prima di metterle in vaso. Usare i germogli a foglia significa che è necessario nebulizzare regolarmente perché le piante radichino con successo.

fare delle talee a fine estate per piantarle in inverno

Come coltivare i fichi da talea

I fichi crescono abbastanza facilmente da talea e, a seconda della varietà che scegliete e del clima della vostra zona, potete aspettarvi che si stabiliscano bene senza troppe attenzioni. Il riparo e il sole sono la chiave per quanto velocemente si sviluppano e crescono. Oltre a questo, non sono necessari trucchi speciali. Date loro un terreno idrofilo e ben drenante, o un contenitore ragionevolmente grande – e saranno felici.

Se cresce in terra, scava il terreno prima di piantare il tuo fico. Mescola un po’ di compost da giardino ben strizzato (puoi trovare informazioni sul compostaggio nella nostra guida).

La nostra guida passo dopo passo ti mostra come coltivare i fichi da talee invernali. Devi solo decidere se piantare le tue giovani piante di fico nel terreno o in un grande contenitore con del compost.

talee di fico in legno duro preparate per la propagazione

Primo passo: fare talee invernali di fichi

talee di fico poste in piccoli vasi di terriccio

Assicurati che le tue migliori forbici siano il più affilate possibile e poi avrai anche bisogno di alcuni piccoli vasi o grandi vassoi a celle modulari. Aspetta che l’albero sia dormiente (da fine ottobre) e prendi delle talee di legno duro da steli che hanno due o tre anni. Questi dovrebbero avere un diametro di circa mezzo pollice.

Assicurati che le talee siano lunghe 8-10 pollici (20-25 cm) e abbiano diverse articolazioni (nodi), con il taglio inferiore appena sotto una delle articolazioni. Consigliamo di prendere tra le sei e le otto talee per tenere conto dei fallimenti – se ti ritrovi con più di quanto ti serve, puoi regalarle agli amici.

Tagliare l’estremità inferiore di ogni talea in modo obliquo. Alcuni coltivatori amano usare un ormone radicante alla base delle talee – ma puoi sempre provare senza. Metti ogni talea in un piccolo vaso o cella riempita di terriccio. Idealmente, hai bisogno di uno spazio di crescita di circa 4 pollici (10 cm). Annaffiare abbondantemente.

Posiziona il vaso in un luogo luminoso, lontano dalla luce diretta del sole e dalle correnti d’aria. Assicurati che il vaso non si asciughi e mantieni il compost leggermente umido per far radicare le talee. Può essere utile spruzzare le talee regolarmente per aumentare i livelli di umidità. In poche settimane, dovresti vedere i segni della crescita delle foglie.

Secondo passo: mettere in vaso le piante di fico

talea di fico messa in vaso in un contenitore leggermente più grande

Tra le quattro e le sei settimane dopo aver iniziato le talee, dovresti vedere i segni che i tuoi fichi hanno radicato. Il grande indizio è se vedi una piccola foglia svilupparsi. Quando hai la sensazione che questa foglia stia crescendo e sia in buona salute, puoi mettere la tua talea in un contenitore leggermente più grande.

Non possiamo sottolineare abbastanza, però, quanto sia importante scegliere una fioriera da giardino che sia appena più grande. In ogni fase del rinvaso del tuo fico, ricorda quello che abbiamo detto sulla limitazione delle radici. Questo è altrettanto importante nelle prime fasi della crescita della pianta, quando le radici sono molto giovani.

Quindi scegliete qualcosa che sia solo qualche centimetro più largo di diametro. Riempi il nuovo contenitore con terriccio fresco, ben drenante e leggermente umido. Assicurati che le tue talee siano erette e sicure. Potrebbe essere necessario rinvasare un paio di volte prima di piantare, a seconda del tasso di crescita e delle condizioni climatiche.

Non è insolito tenere i fichi in vaso per diversi mesi prima di piantarli. Durante questo periodo, controlla quotidianamente i giovani fichi e assicurati che siano tenuti innaffiati. Se il tempo lo permette, puoi provare a mettere i vasi all’esterno, ma assicurati che non siano esposti a correnti d’aria o gelate.

Vuoi saperne di più sui tipi di alberi da frutto che puoi coltivare in vaso? Leggi la nostra guida ai migliori alberi da frutta da coltivare in vaso per scoprire quali varietà sono ideali per la coltivazione in contenitore.

Terzo passo: piantare i fichi nel terreno

Fico comune che cresce su e attraverso un muro del giardino

Una volta che le tue piante di fico hanno qualche mese, puoi trapiantarle all’esterno. La fine dell’inverno o l’inizio della primavera (marzo/aprile) è un buon momento per farlo, ammesso che abbiate fatto talee invernali – se avete fatto talee estive, aspettate fino a novembre. Idealmente, è una buona idea scegliere una giornata nuvolosa, ma non fredda.

Si spera che il sito di piantagione sia in un luogo soleggiato e riparato per proteggere la giovane pianta mentre si stabilisce. Lucy Chamberlain raccomanda una parete esposta a sud o a ovest per chi coltiva fichi per la prima volta. Questo fornirà le condizioni di crescita ottimali per le giovani piante e massimizzerà i livelli di zucchero nei frutti maturi. I muri sono anche ottimi per allenare i fichi. Prima di piantarli, assicuratevi che il terreno sia umido e ben drenato.

Non dimenticare l’importanza di limitare la crescita delle radici – e inizia come intendi continuare. In questo modo, il fico alla fine metterà più energia nella fruttificazione invece di coltivare il fogliame. Per aiutarvi in questo, piantate i vostri giovani fichi all’esterno in “buche” che limitano deliberatamente la crescita (potete anche ospitare le piante in sacchetti per il controllo delle radici o in vasi larghi 60 cm prima di immergerle nel terreno).

Scavare una buca di 60 cm di profondità e di larghezza nel luogo di piantagione. Se si pianta vicino a un muro, lasciare uno spazio di 45 cm per la caduta della pioggia. Rivestire i lati della buca di impianto con lastre di pavimentazione verticali. Lasciare che queste lastre sporgano di 1-2 pollici (2,5 cm-5 cm) al di sopra della superficie del terreno. Rivestire la base con mattoni rotti o macerie. Questo aiuterà il drenaggio e allo stesso tempo scoraggerà le radici dal correre all’impazzata.

Riempire la buca con terra mescolata a compost o a materiale organico ben marcio. Immergere la pianta in acqua. Aggiungere funghi micorrizici alle radici per aiutare la pianta a stabilirsi. Pianta l’albero, poi rassoda il terreno e annaffia abbondantemente. Assicurati che le lastre di pavimentazione rimangano un po’ al di sopra del livello del suolo. Se pianti più di un fico, dai a ogni giovane albero 7 metri di spazio. I fichi in formazione hanno bisogno di una serie di fili orizzontali distanziati di 30 cm per sostenere i giovani rami.

Per assicurarti che i tuoi fichi siano felici, controlla che il terreno sia idratante e drenante.

Quarto passo: piantare i fichi in contenitori

pianta di fico in vaso in un grande contenitore in primavera per sfruttare al meglio la stagione di crescita

Se ti piace coltivare la frutta in vaso, puoi tenere i tuoi piccoli fichi in grandi contenitori in un patio soleggiato. Oltre a garantire che la crescita delle radici sia limitata – il che è fondamentale per il successo della coltivazione dei fichi – coltivare le piante come parte delle vostre idee di giardinaggio in contenitore significa che potete facilmente spostarle al coperto per i mesi invernali. Come per i passaggi precedenti, ricordatevi di scegliere un contenitore che sia sempre e solo di una misura in più rispetto al precedente (cioè un paio di pollici/5cm più largo di diametro rispetto al precedente).

Le piante coltivate in contenitore possono essere piantate in qualsiasi momento, ma la primavera (fine marzo-aprile) è la migliore per sfruttare al meglio la stagione della crescita. Usare un terriccio John Innes No3 o multiuso di buona qualità, mescolato con un terzo di graniglia o perlite. Assicurati anche che il vaso abbia dei fori di drenaggio alla base.

Metti dei vasi sopra questi fori per aiutare il drenaggio. Riempire intorno alla pianta con del compost e assicurarsi che la pianta sia ben ancorata, quindi ricordarsi di annaffiare bene le piante. Se piantate in primavera, aggiungete del fertilizzante generico o ad alto contenuto di potassio in pellet o del mangime liquido (alternate i due in primavera e in estate). Spostare il vaso in posizione all’aperto. Il posizionamento sui piedi del vaso aiuterà il drenaggio. Innaffiare regolarmente durante questa prima stagione di crescita. Rinvasare non più di una volta ogni due anni.

Dove coltivare i fichi

Una parte fondamentale del processo di coltivazione dei fichi è ricordare l’importanza di replicare le sue condizioni mediterranee di origine, dove è possibile. Aumenterete le possibilità di una fruttificazione prolifica e sana se sceglierete un posto riparato contro un muro o un recinto soleggiato (o sottovetro in una serra, se questa è più affidabile). Più sole prendono i tuoi frutti, più saranno dolci.

È stato detto che un albero di fico ama i piedi nell’acqua e la testa al sole, perché il terreno deve rimanere fresco per farlo fiorire. Questo non significa però che ai fichi piaccia il terreno umido. Coltivate in un terreno idrofilo ma ben drenante. Questo può avere qualsiasi pH, a seconda della varietà, anche se i fichi sembrano dare il meglio in condizioni leggermente alcaline. In alternativa, coltivate in un contenitore grande e profondo – di nuovo, contro un muro di casa o in un luogo protetto del patio. Questo può essere spostato in una serra al riparo dal gelo in inverno.

Prendete in considerazione l’idea di provare a piantare in compagnia per incrementare il vostro raccolto di fichi. Le fragole sono ottime per la copertura del terreno e godono dell’ombra sfumata offerta dai fichi. Anche la consolida, le calendule e la menta possono essere utili per rilasciare nutrienti essenziali.

albero di fico marrone che cresce contro un muro di giardino soleggiato

Come curare i fichi

La cosa principale da ricordare mentre si impara a coltivare i fichi è che richiedono cure diverse a seconda dell’età. Con gli alberi molto giovani, è necessario assicurarsi che il terreno sia mantenuto umido. L’irrigazione è particolarmente critica durante la stagione di crescita – e deve essere regolare per evitare che i frutti si spacchino o cadano. L’idratazione è la chiave per mantenere i fichi sani e felici.

Un’alimentazione bilanciata (cioè pesce, sangue e ossa) o una concimazione ad alto contenuto di potassio è utile in primavera, così come la pacciamatura con compost ben marcio, corteccia compostata o letame. Questo strato di pacciame in primavera aiuta a mantenere il terreno fresco e umido quando la temperatura sale. È meglio non applicare mangimi ad alto contenuto di azoto, che promuovono la crescita delle foglie piuttosto che lo sviluppo dei boccioli dei fiori.

Dovreste scoprire che gli alberi più vecchi sono molto più tolleranti alla siccità e hanno bisogno di meno attenzioni. Detto questo, qualsiasi pianta coltivata in contenitore non deve essere lasciata seccare. Hanno bisogno di bere ogni giorno nelle giornate calde e soleggiate e di essere nutrite regolarmente all’inizio dell’estate.

Quando i fichi iniziano a svilupparsi su alberi sani e consolidati, puoi aumentare la produttività e la crescita applicando ogni due settimane un fertilizzante liquido per pomodori a base di potassio. Quando i frutti si gonfiano, manteneteli ben irrigati in estate. In autunno, rimuovete i fichi grandi ma acerbi – ma lasciate i fichi piccoli a forma di pisello per l’anno successivo.

Imparare a proteggere le piante dall’inverno è importante, soprattutto per gli alberi più giovani. Quando le foglie cadono, coprirle con un telo orticolo. In alternativa, i fichi che si trovano contro una recinzione o un muro possono essere isolati con paglia tenuta in posizione con una rete, dice Lucy Chamberlain. Questo assicurerà che i frutti molto giovani sopravvivano al duro inverno (rimuoverli alla fine della primavera).

I fichi coltivati in contenitore possono essere spostati sotto vetro per l’inverno. Scegliete un luogo fresco ma senza gelo, come una serra non riscaldata. È anche intelligente coprire il vaso con pluriball o hessian. Ricordati di rinvasare ogni due anni (o sostituiscilo con del terriccio fresco). E non dimenticate: la limitazione delle radici dà i suoi frutti – quindi non fate il prossimo vaso troppo grande.

pianta di fico in piedi contro una recinzione che viene isolata con paglia in inverno

Come potare i fichi

Quando si impara a coltivare i fichi, un lavoro che determina la salute e la produttività è la potatura. La potatura nelle fasi critiche non solo ti aiuta a scolpire la forma dell’albero e a gestirne le dimensioni, ma ti dà anche un vantaggio in termini di numero di fichi. I fichi si sviluppano sulla nuova crescita e sulla crescita di un anno. Una potatura attenta e intelligente accelera questa crescita e permette di incoraggiare nuovi frutti al momento giusto, aumentando la vitalità e il volume del raccolto successivo.

I fichi sono vigorosi, quindi tenete presente che questo è un lavoro che dovrete fare due volte l’anno, ogni anno. Ci sono due momenti principali per potare i fichi: alla fine dell’inverno e in piena estate. Come spiega Lucy Chamberlain, “la potatura invernale consiste nel dare forma all’albero e nell’alleviare la congestione. La potatura estiva aiuta il sole a raggiungere i frutti in sviluppo e incoraggia la formazione dei frutticini. È necessario tagliare la crescita dell’anno in corso di un terzo per stimolare i frutticini che svernano”.

La vostra potatura di fine inverno (verso febbraio) dovrebbe mirare a rimuovere la crescita indesiderata; gli steli morti, danneggiati o deboli; tutto ciò che ne rovina la forma; o qualsiasi pollone. Ciò che state cercando di creare con i vostri tagli è una forma sana e compatta a ‘testa di straccio’ in un fico standard. Questo è importante perché permette alla luce di raggiungere tutte le parti della chioma del fico. Va bene tagliare i rami lunghi o spogli per stimolare una nuova crescita dalla base.

La potatura estiva (giugno/luglio) è la vostra occasione per controllare la forma in sviluppo, ma anche per incoraggiare i frutti per il raccolto del prossimo anno. Come sottolinea Lucy, solo i frutticini iniziati in autunno hanno il tempo di fiorire e maturare l’estate successiva. Pizzica o taglia le punte dei germogli con più di cinque o sei foglie. Concentrati sulla crescita giovane e lascia stare i germogli maturi. Tagliare con cesoie affilate. Questo stimola i germogli laterali che vanno a sviluppare i frutti in settembre e ottobre. Questi frutti avranno un vantaggio in primavera e andranno a creare il vostro prossimo banchetto di fichi.

Segui questi consigli chiave per fare in modo che il tuo albero sia nella forma migliore e cresca al massimo del suo potenziale:

  1. Se il fico è in crescita, gli steli tagliati trasuderanno una linfa lattiginosa, ma questo dovrebbe cessare rapidamente e non dovrebbe danneggiare la pianta (tagliando in inverno, non dovrebbe sanguinare affatto). La linfa è però irritante, quindi indossa guanti protettivi da giardinaggio e copriti le braccia. Iniziare la potatura dal basso della pianta e lavorare verso l’alto. Se hai della linfa sulla pelle, lavala via.
  2. Durante la potatura invernale, dai al fico una forma aperta e controlla le sue dimensioni. Tagliare gli steli più vecchi fino alla base. Tagliare gli steli che disturbano la struttura generale. Potrebbe essere necessario tagliare gli steli spessi 1 pollice (2,5 cm) o più di diametro con una sega da potatura. Tagliare i germogli a poche gemme dal suolo, in modo che possano ramificarsi – è possibile utilizzare queste talee per altre piante.
  3. Per i fichi a ventaglio, pizzica la punta di crescita dei giovani germogli alternati come parte della tua potatura estiva. Questo incoraggia una crescita più cespugliosa più in basso. Quando i nuovi germogli si sviluppano, legare gli steli a fili orizzontali. Alla fine dell’inverno, taglia gli steli morti per mantenere l’albero aperto. L’obiettivo è creare spazio e luce per un’ampia formazione di frutti.
  4. Per gestire i fichi in vaso, taglia gli steli morti e i rami deboli a fine inverno prima che inizi la crescita. Dovresti anche potare le punte dei germogli dalla nuova crescita in estate, lasciando quattro o cinque foglie.

Non correre rischi quando si tratta di potare. Un taglio incauto può riportare la vostra pianta indietro di mesi – o addirittura fermarla per sempre!

Vuoi saperne di più sui tagli cruciali per le piante preferite? La nostra guida alla potatura autunnale può aiutarti a mantenere e aumentare la salute e la vitalità dei principali alberi ornamentali e da frutto.

estate potatura nuova crescita su un albero di fico per incoraggiare più frutti

Affrontare i parassiti e i problemi del fico

La buona notizia per imparare a coltivare i fichi è che, a parte il monitoraggio dei livelli di sole e umidità, non c’è molto di cui preoccuparsi. I problemi sono minori se paragonati ad altri alberi da frutto e piante da coltivazione. Le principali preoccupazioni che potreste incontrare sono alberi che non producono fichi o che producono fichi che non maturano come e quando dovrebbero.

Prima di tutto, vale la pena ricordare che un albero giovane può impiegare alcuni anni per raggiungere il punto in cui può sostenere un raccolto. Se il vostro albero non produce fichi nei primi due anni, cercate di non scoraggiarvi. I fichi hanno bisogno di una lunga fase di sviluppo delle radici. Se il terreno è ben irrigato nei primi due anni dopo l’impianto, questo tempo di attesa è naturale. Se vuoi dare una spinta al tuo albero in primavera, puoi aggiungere un po’ di fertilizzante. Dopodiché, tutto quello che puoi fare è continuare ad annaffiare il tuo albero – e aspettare.

Un altro possibile problema è che vedi i frutti, ma non maturano completamente o per niente – o cadono prima di farlo. Questo potrebbe indicare una mancanza di acqua o una mancanza di sole in un momento cruciale della fase di maturazione. In questo caso, ancora una volta, date al vostro albero una spinta in primavera con del fertilizzante – e riprovate. Con il tempo, un albero di fico sviluppa più radici che sono abbastanza forti da trovare tutti i nutrienti di cui ha bisogno. Assicurati che il tuo albero non sia esposto a correnti d’aria o al freddo, perché questo può controllare la crescita, e trapiantalo se necessario.

A parte questo, ci sono pochi parassiti di cui preoccuparsi. È utile coprire l’albero con una rete a maglia o un telo orticolo nel periodo della fruttificazione per scoraggiare piccioni e scoiattoli. Inoltre, se coltivi i tuoi fichi sotto vetro, tieni d’occhio il ragno rosso della serra o gli acari a due macchie. Questi parassiti prosperano in ambienti caldi e secchi. I problemi si manifestano come screziature nelle foglie, scolorimento, fettucciamento o caduta prematura delle foglie. È possibile ridurre al minimo il rischio nebulizzando regolarmente per aumentare l’umidità.

I fichi sono anche attraenti per le vespe, grazie al loro alto contenuto di zucchero. Assicuratevi di raccogliere i fichi non appena sono maturi, e controllate che non ci siano colpi di vento che potrebbero attirare ospiti sgraditi e ronzanti. Anche in questo caso, una rete può aiutare ad alleviare questo problema, dato che i frutti diventano più morbidi e dolci. Leggi la nostra guida su come sbarazzarsi delle vespe per altri modi per combattere questo parassita comune.

fichi che crescono sotto vetro che tendono ad essere più inclini al ragno rosso della serra o agli acari a due macchie

Quando raccogliere i fichi

Nei climi nativi, le piante di fico possono svilupparsi più volte nel corso di un anno. Nelle regioni più temperate come il Italia – a meno che non stiate coltivando sotto vetro – gli alberi di fico all’aperto tendono a produrre un solo raccolto all’anno, tra la fine di agosto e l’inizio di ottobre (con frutti che si formano da maggio a settembre). Ci sono alcune eccezioni (‘Madeleine des Deux Saisons’ può fruttificare in giugno e settembre), quindi controllate con il vostro fornitore.

Nella tarda primavera, i frutticini embrionali dell’autunno precedente prenderanno vita e inizieranno a maturare. In piena estate, se il sole ha fatto la sua magia, ci si può aspettare una festa appetitosa.

Ci sono alcuni eccellenti segni rivelatori che i fichi danno per farvi sapere che sono maturi. Se li stringi delicatamente, si sentono morbidi e la buccia può iniziare a spaccarsi. A seconda della varietà, i colori si intensificano, i gambi si piegano e i frutti pendono. Si può anche vedere una goccia di nettare vicino alla base del frutto. Questo è il tuo segnale per consumarli – freschi dall’albero e caldi dal sole. Oppure, se ne avete voglia, possono essere essiccati o trasformati in conserve.

Tre segnali chiave che i vostri fichi sono pronti per la raccolta:

  1. Caduta La maggior parte dei fichi acerbi sporge verso l’alto lungo il ramo dove stanno crescendo. Quando il gambo si ammorbidisce e la polpa matura, il fico pende verso il basso. Questo è spesso il primo segno di maturità.
  2. Liquido zuccherino Alla base del frutto c’è una piccola apertura (spesso colorata di beige). Quando i livelli di zucchero e di acqua raggiungono l’apice, un liquido chiaro e appiccicoso può essere visto emergere da quest’area; questo viene descritto come un “occhio piangente”.
  3. Spaccatura della buccia Quando i fichi maturano completamente, assumono molta acqua. Con le bucce che diventano sempre più morbide e il volume del frutto che aumenta, vedrete spesso le bucce che iniziano a spaccarsi. Questo è un grande segno che il raccolto è imminente!

Alla fine di questa stagione di raccolta, potreste trovare dei grossi frutti acerbi ancora sull’albero. Questi probabilmente non sopravviveranno all’inverno e dovrebbero essere rimossi prima della fine dell’autunno. Si spera di vedere anche piccoli frutti embrionali. Queste crescite delle dimensioni di un pisello dovrebbero essere lasciate sull’albero per svernare e maturare l’estate seguente – quando formeranno la prossima festa del raccolto. Sono questi frutti che ci danno il nostro raccolto di agosto, quindi più ce ne sono, meglio è – ricordatevi di proteggerli dal gelo”, dice Lucy.

fichi Violette Dauphine che sono diventati morbidi e pronti per la raccolta

5 delle migliori varietà di fichi da provare

Ora che sai come coltivare i fichi, ecco alcune delle varietà più gustose e affidabili da provare nel tuo giardino in vaso:

1. ‘Brown Turkey’ (tacchino marrone)

Fichi di tacchino marrone che maturano a fine estate

Questo classico fico di mezza stagione è un fico pesante, che produce frutti a forma di pera con buccia violacea, polpa rossa morbida e sapore di caramella. Un fico autofertile, ideale per un grande contenitore che funzionerebbe bene per qualsiasi idea di giardinaggio nel patio.

Può crescere con successo anche in aree più fresche. I fichi ‘Brown Turkey’ possono raggiungere i 6 metri di altezza, ma sono felici se potati in forma compatta o a muro. Si adatta a molti terreni e tollera la siccità per brevi periodi. Raccolta: Agosto-Settembre.

2. ‘Brunswick’

Fichi di Brunswick in fase di crescita

Un altro fico fragrante, autofertile e resistente che sta bene all’aperto nelle regioni più fresche e temperate. Questo fico generoso sviluppa foglie dai lunghi lobi e frutti impressionanti, grandi, a forma di pera, con polpa rosa e un sapore ricco e dolce. Cresce in un luogo riparato e soleggiato contro un muro esposto a sud o in un grande contenitore. Aggiungere del compost da giardino alla buca di impianto e concimare ogni anno. Raccolta: Agosto-Settembre.

3. Madeleine des Deux Saisons

Fichi della Madeleine des Deux Saisons che maturano sull'albero in estate

Questo fico del patrimonio a maturazione precoce (che significa ‘Madeleine delle due stagioni’, noto anche come fico della Madeleine), è in grado di produrre due raccolti all’anno nelle estati calde. Essendo super resistente, questa antica e abbondante varietà francese è autofertile, quindi è ideale per piccoli giardini. I frutti sono rosso-marroni, sferici e dolci con polpa rosa. Può raggiungere i 3 m (9 piedi) in un terreno leggermente alcalino. Raccolta: Luglio e settembre, a seconda del tempo.

4. ‘Panachee’ (alias ‘Fico tigre striato’)

Fico Panachee conosciuto anche come il Fico Tigre a strisce che cresce in estate

Coltivato come un grande arbusto o un albero compatto, il fico tigre è così chiamato per le sue strisce dai colori brillanti. All’interno, il frutto è rosso brillante e ha il sapore delle fragole. Raggiungendo i 2-3 m (7-10 piedi), questo fico altamente decorativo, resistente e autofertile è una delle varietà più antiche, risalente al 1600. Raccomandato per una posizione esposta a sud o a ovest, è un raccolto affidabile con una buona resistenza al freddo. Raccolta: Agosto-Settembre.

Ci sono altri suggerimenti per i migliori alberi per piccoli giardini nella nostra guida.

5. Violette Dauphine

Fico Violette Dauphine che matura sull'albero in estate

Simile all’antica varietà francese ‘Madeleine des Deux Saison’ (sopra), questo fico resistente, fragrante e produttivo è più adatto ai climi del Italia e ha una resistenza impressionante alle malattie. E’ anche a crescita rapida e si autoimpollina. Produce grandi fichi viola arrossati con una dolce polpa rosa, ed è felice contro una parete soleggiata. Cresce anche comodamente in contenitori fino a 15 litri, raggiungendo i 3,5 m (11 piedi). Raccolta: Luglio-ottobre.

Si possono mettere le talee di fico prima in acqua?

Per imparare a coltivare i fichi, vale la pena fare alcune talee in una volta sola, nel caso in cui alcune non prendano. Per questo motivo, nulla ti impedisce di far radicare un paio di talee in acqua – può essere interessante provare a fare un confronto con le altre talee. La tua percentuale di successo può essere più alta se sei pronto a mescolare e combinare i processi di propagazione.

Alcuni coltivatori giurano di iniziare i fichi in acqua per farli radicare e poi eseguire il resto del processo di propagazione come descritto sopra. Noi non pensiamo che sia necessario radicare prima in acqua – ma vale la pena provare in entrambi i modi per vedere cosa funziona meglio per voi.

  1. Prova alcune talee fatte durante il periodo invernale dormiente. Usa steli sani tagliati dall’albero, come descritto sopra, con cesoie affilate.
  2. Assicurati che ogni talea abbia almeno quattro o cinque gemme.
  3. Rimuovere un pollice (2,5 cm) di corteccia dalla base.
  4. Potresti voler aggiungere dell’ormone radicante prima di metterlo in acqua; dipende da te.
  5. Mettere in un vaso pieno di acqua piovana pulita. Metti il vaso vicino a una finestra al riparo dal sole diretto.
  6. Cambia l’acqua due volte alla settimana per dare alla talea quanto più ossigeno possibile per sviluppare le radici. Dovresti vederle emergere nel giro di qualche settimana.
  7. Dopo 40-45 giorni, quando le radici sono abbastanza grandi, puoi invasare le tue talee di fico.

avvio di una talea di fico in un vaso d'acqua

Si possono coltivare i fichi dai semi?

Dato che è facile imparare a coltivare i fichi per propagazione, vi starete chiedendo: perché non partire semplicemente dai semi? Non stiamo dicendo che questo non funzioni: potete raccogliere i semi e farne germinare alcuni. Tuttavia, è un processo volubile. C’è la possibilità che i fichi non crescano ‘veri’, il che significa che non saranno la stessa varietà del genitore. L’unico modo per ottenere una vera replica è fare una talea.

L’altro rischio di far partire i fichi dai semi è che c’è la possibilità di non produrre una pianta femmina. Se si produce una pianta maschio, ci si ritrova con un albero che produce frutti piccoli e non commestibili. Solo le femmine continuano a sviluppare i frutti di fico che conosciamo e amiamo. Detto questo, se non ti interessa molto la varietà di fico e hai voglia di sperimentare, far germinare i semi di fico dalla frutta fresca può essere divertente.

Ecco come fare:

  1. Taglia un fico a metà, togli la polpa e i semi e mettili a bagno per due giorni. I semi sani affondano sul fondo del bicchiere o del barattolo.
  2. Metti dei pizzichi di semi nelle celle. Dovrebbero germinare in una-due settimane; tienili umidi e caldi.
  3. Quando le piantine hanno due serie di foglie vere, spostarle in vasi individuali.
  4. Tenere in luce moderata per un paio di mesi. È anche una buona idea fornire umidità mettendo i vasi su un piattino di ciottoli riempito d’acqua, o nebulizzando le piante.
  5. Aggiungere del nutrimento diluito per piante d’appartamento alla scadenza dei sei mesi, o in primavera. Spostarle in estate.

Cerchi un frutto facile da far partire dai semi? La nostra guida su come coltivare l’anguria ti aiuterà a coltivare da zero un frutto sorprendentemente semplice.

grappoli di semi all'interno di un fico Violette Dauphine appena raccolto

Come fare la marmellata di fichi

Potresti trovare difficile conservare i tuoi fichi abbastanza a lungo per trasformarli in conserve. Sono così deliziosi mangiati appena colti che potresti non essere in grado di resistere! Tuttavia, se ci riesci, è un piacere cucinare una veloce marmellata di fichi per la tua dispensa o il tuo frigorifero – o come regalo per un amico. È un delizioso accompagnamento per piatti dolci e salati, in particolare per i formaggi, quindi ne vale la pena.

  1. Servono mezzo chilo di fichi, una tazza d’acqua, due cucchiai di succo di limone, un cucchiaio di estratto di vaniglia, tre quarti di tazza di zucchero semolato e una stecca di cannella (opzionale).
  2. Aggiungere la polpa di fico, lo zucchero, il limone e la vaniglia in una padella. Cuocere a fuoco medio, mescolando fino a quando lo zucchero si scioglie e i fichi sono succosi.
  3. Aggiungere l’acqua e cuocere a fuoco lento, mescolando fino a quando i succhi si addensano. Questo potrebbe richiedere da 30 minuti a un’ora.
  4. Quando il liquido è appiccicoso e cade pesantemente da un cucchiaio, lasciare raffreddare (togliendo la stecca di cannella se usata).
  5. Versare a cucchiaiate in barattoli con coperchio ermetico. Conservare in frigorifero per due mesi. Vuoi coltivare altri frutti che possono essere conservati come marmellate o mangiati come frutta fresca? Scopri come coltivare le fragole con la nostra guida.

una marmellata veloce fatta con fichi freschi, succo di limone, zucchero, estratto di vaniglia e acqua

Menu