Come fare, Giardinaggio

Come coltivare i susini: consigli su come piantare, coltivare e curare i susini

Scoprite come coltivare le prugne e avrete un frutto che offre una grande quantità di raccolti. Che si tratti di una delizia sontuosa e piccante da mangiare direttamente dall’albero o di una polpa deliziosa che può essere cotta per fare conserve, marmellate, torte, gelatine e persino vini, le prugne sono la scelta naturale.

Come punto d’ingresso per un principiante degli alberi da frutto, la prugna è la scelta perfetta anche per le vostre idee di orto. È facile, senza fronzoli e affascinantemente versatile. Qualunque sia la vostra posizione, il tipo di terreno o lo spazio, c’è una varietà adatta. Gli unici requisiti sono sole e riparo.

La bellezza di coltivare prugne è che molte razze popolari e moderne sono autofertili, quindi ne basta una sola per riempire il vostro orto di frutta. Inoltre, questa famiglia di frutti è altamente ornamentale, e molti producono fioriture primaverili mozzafiato.

Impara a coltivare le prugne e goditi un delizioso raccolto di frutta

Una volta che sai come coltivare le prugne, il rapporto tra sforzo e ricompensa è deliziosamente impilato a tuo favore. Coltivando uno di questi alberi, non solo farete la scorta per la vostra casa, ma anche per tutta la vostra strada”, dice Lucy Chamberlain, esperta di frutta e verdura di Amateur Gardening. Le prugne sono notoriamente molto produttive”.

Per aiutarvi a iniziare, abbiamo raccolto tutti i consigli degli esperti di cui avrete bisogno per coltivare e raccogliere il vostro raccolto di prugne.

Quando piantare i prugni

Come regola generale, gli alberi di prugne sono meglio piantati durante la stagione dormiente. Questo significa che hai una finestra dall’inverno all’inizio della primavera, quando gli alberi piantati hanno le maggiori possibilità di successo.

Piantare durante la dormienza dà loro il tempo di stabilirsi e sistemarsi nel terreno prima che le cose riprendano a funzionare. Alcuni esperti di giardinaggio ritengono che il momento migliore per piantare sia l’inizio dell’autunno (intorno a ottobre), perché il terreno è probabilmente umido ma ha ancora un po’ del calore della tarda estate.

Tuttavia, c’è un altro aspetto della piantagione che influisce su quando piantate il vostro albero di prugne. State piantando un albero cresciuto in contenitore o uno che è stato fornito “a radice nuda” (senza terra intorno alle radici)?

Il vantaggio di un albero in contenitore è che puoi piantare l’albero in qualsiasi momento (anche se si ambienteranno molto meglio se piantati dall’inverno all’inizio della primavera).

Se stai piantando alberi a radice nuda, devono essere piantati subito (e tendono a essere disponibili all’acquisto solo tra novembre e marzo, mentre sono dormienti). Tuttavia, spesso si stabiliscono meglio dei loro equivalenti coltivati in contenitore – soprattutto se il terreno è stato preparato con materiale organico in modo che il suolo sia friabile. È una buona idea preparare il terreno un mese prima di piantare il tuo prugno.

Prugna Lo Zar che cresce in estate

Come coltivare le prugne: come iniziare

Imparare a coltivare le prugne si riduce ad alcune semplici decisioni: scegliere il posto giusto, decidere la forma dell’albero che si desidera e scegliere la giusta varietà autoimpollinante (o un mix di alberi).

Gli alberi di prugne amano il riparo e il sole (almeno otto ore al giorno) per poter fruttificare e crescere bene. Possono prosperare in una vasta gamma di terreni, anche se preferiscono condizioni umide, ben drenate e argillose (con un pH di 5,5-6,5). La nostra guida ai tipi di suolo può aiutarvi a identificare il vostro e a regolarlo prima di piantarlo.

Il tipo di formazione che pensi di usare con il tuo albero ha anche un peso sul suo successo nel tuo giardino. Consideralo insieme alla varietà di prugna e al portainnesto dell’albero, oltre che allo spazio nel tuo giardino.

Ci sono alcuni tipi di formazione tra cui scegliere:

  • Tipo a cespuglio Una forma convenzionale di ‘albero’.
  • A ventaglio Un metodo di formazione che funziona bene contro un muro o una recinzione del giardino in modo che il vostro susino sia protetto dal freddo.
  • Formazione a cordone Questo metodo prevede una crescita concentrata intorno a un singolo stelo.
  • La formazione a piramide è come un cespuglio, ma tende ad essere più piccola.
  • Step-overs Alberi a crescita bassa, formati orizzontalmente, ottimi per sviluppare frutti più dolci che ricevono più luce solare, a seconda della varietà e del portainnesto.

Prima di piantare, va bene aggiungere della materia organica, ma non aggiungerne altra se ce n’è già nel terreno. Troppo, e vi ritroverete con una crescita eccessiva degli alberi a scapito della crescita dei frutti.

albero di prugne addestrato contro un muro di mattoni

Come piantare un prugno

Una volta che hai scelto la varietà, il sito e il metodo di formazione, piantare l’albero è semplice. Basta fare una buca della giusta dimensione e forma, controllare le radici, idratare bene e assicurarsi che il giovane albero abbia il giusto sostegno fino a quando non si è stabilito.

Passo 1: preparare l’albero prima di piantarlo

preparare la zolla di un prugno prima di piantarlo

Dopo aver preparato l’area di piantagione con compost di alta qualità, devi preparare l’albero prima di piantarlo. Per preparare un albero coltivato in contenitore, rimuovilo dal vaso. Appoggia la zolla su un lato e usa le cesoie per tagliare tutte le radici strettamente arrotolate. Districare i bordi senza danneggiarli. È inoltre necessario immergere la zolla in acqua per un’ora prima di piantarla.

Fase 2: scavare una buca per l’albero

scavare la buca per l'impianto del prugno

Assicurati che la buca sia larga e profonda il doppio della zolla dell’albero. Una buona guida è 12in (30cm) di profondità e 2ft (60cm) di larghezza. Controlla di poter mettere l’albero nella buca e coprire le radici con il terreno fino al livello del suolo.

Aggiungi del materiale organico o del compost ben marcio alla base della buca. Scava, in modo che il terreno sia friabile. Questo aiuterà l’albero a trattenere l’umidità man mano che le cose si riscaldano.

La nostra guida al compostaggio contiene molti consigli utili su come fare il compost in casa.

Fase 3: posizionare l’albero nel terreno

piantare un prugno e rassodare

Posiziona l’albero nella buca. Riempi con una miscela di terra e compost, e aggiungi un po’ più di materiale organico come desiderato. Assicurati che l’albero sia piantato alla stessa profondità che aveva nel vaso (o, se ha le radici nude, usa il segno del terreno sul tronco come guida). Controlla anche che le radici siano ben coperte e che non ci siano sacche d’aria.

Rassodare, poi annaffiare bene per aiutare il terreno ad assestarsi intorno alle radici. Tenere ben annaffiato per le prime settimane; per consigli su come annaffiare le piante, segui la nostra guida.

Fase 4: sostenere il prugno dopo l’impianto

Giovane albero di prugne sostenuto e formato contro un muro

I giovani alberi di prugne avranno bisogno di un certo sostegno per i primi anni dopo l’impianto. Se il tuo albero sarà coltivato a ventaglio contro un muro del giardino o una recinzione, hai già risolto questo problema. Altrimenti, un paletto rigido può aiutare a dare stabilità all’albero. Assicurati che sia a 15 cm dal tronco principale. Fissalo con fascette di plastica a intervalli di 30 cm (1 piede). Continua a controllare e regolare questi legami man mano che il tuo prugno cresce.

Si può coltivare un prugno in vaso?

Puoi coltivare i prugni come parte delle tue idee di giardinaggio in vaso, anche se avrai bisogno di una fioriera grande, da 16-20 pollici (40-50 cm). Assicurati solo di scegliere una varietà compatta e un portainnesto adatto a un grande contenitore.

Mezzi barili e grandi vasi di terracotta forniranno la stabilità e la profondità necessarie per dare al tuo albero il miglior inizio. Opta per un compost a base di terra come il John Innes No3, che aiuterà a prevenire l’essiccazione nella stagione calda.

La nostra guida ai migliori alberi da frutta da coltivare in vaso contiene molti altri suggerimenti sulle varietà che sono ideali per la coltivazione in contenitore.

Dove coltivare le prugne

Gli alberi di prugne hanno bisogno di calore e protezione dall’esposizione. È importante tenere l’albero al riparo dalle gelate e dai venti pungenti. La protezione dal vento favorisce l’impollinazione, aiutando l’allegagione e il buon raccolto.

Nell’emisfero settentrionale, assicurati che il posto che scegli sia esposto a sud o a ovest, da qualche parte come un muro o una recinzione. Se avete intenzione di piantarne più di uno, assicuratevi che siano ben distanziati; 25 piedi (7 m) a parte se sono standard o 15 piedi (4,5 m) se sono alberi nani.

Ovviamente, la dimensione finale del tuo albero dovrebbe essere un fattore determinante nella tua decisione mentre impari a coltivare le prugne. Alcune varietà raggiungono i 16 piedi (5 m), anche se ovviamente questo dipende dal fatto che il vostro albero usi un portainnesto nano. Dipende anche dall’uso di un metodo di formazione ristretto, come un ventaglio o un cordone, che permette la crescita in spazi molto più piccoli.

Un consiglio: è meglio non coltivare i prugni vicino ad altri alberi da frutto, che competono per l’umidità di cui hanno bisogno.

ventaglio di prugne addestrato contro una recinzione del giardino

Come prendersi cura di un albero di prugne

Finché il tuo albero di prugne è adeguatamente sostenuto durante il suo sviluppo (con un palo o contro un muro), le sue esigenze sono abbastanza semplici. Segui questi semplici consigli per avere le migliori possibilità di successo.

  • Innaffia molto il tuo albero di prugne durante la prima stagione di crescita, regolarmente quando fruttifica, e sempre durante i periodi di siccità. Se coltivi il tuo prugno in una fioriera da giardino, è necessario annaffiare regolarmente per evitare che il compost si secchi.
  • Tieni d’occhio la base dell’albero e assicurati che un raggio di almeno 3 piedi (1 m) sia mantenuto libero da erbacce. La pacciamatura con compost o letame ben marcio combatte la crescita delle erbacce, oltre a mantenere il terreno umido. Fai attenzione a tenere il pacciame lontano dal tronco. Potete aggiungere un fertilizzante organico (come pesce, sangue e ossa) prima di posare il pacciame in primavera. Un’ulteriore pacciamatura in autunno (compresa la corteccia triturata) manterrà il terreno più caldo e ben nutrito quando il tempo si raffredda.
  • Il diradamento del prugno assicura che le energie dell’albero siano dirette a sviluppare solo i frutti migliori. Aiuta anche a prevenire rami piegati o rotti a causa del sovraccarico – e permette un buon flusso d’aria e l’accesso della luce solare a tutte le aree. Per fare questo, rimuovi l’eccedenza quando i frutti si stanno formando in giugno-luglio. Lascia un frutto ogni 2-3in (5-8cm), o un paio ogni 6in (15cm). Se ti senti più sicuro, elimina la metà delle gemme dei frutti in primavera per ottenere il massimo aumento delle dimensioni dei frutti rimanenti.
  • Puntellare i rami carichi quando i frutti raggiungono la massima densità. Non volete che il ramo si spezzi dopo aver aspettato pazientemente le vostre prugne per così tanto tempo! Per evitare che i rami si spezzino, dai una spinta ai rami più carichi con un supporto a Y.
  • Considera la possibilità di provare a piantare in compagnia per aiutare a dare una spinta alle tue prugne. L’indivia e l’aneto sono ottimi per gli impollinatori come le api e i sirfidi, così come la lavanda (puoi scoprire come coltivare la lavanda con la nostra guida). La consolida è buona per aggiungere calcio, fosforo e potassio, tutti benefici per le prugne. Nel frattempo, piantare i nasturzi può essere un ottimo metodo naturale per come sbarazzarsi degli afidi.

diradamento dei frutti delle prugne su un albero di prugne in estate

Come affrontare i problemi chiave delle prugne

Le prugne sono altamente appetibili per tutti i tipi di parassiti. Questo include i soliti colpevoli, come gli uccelli e le vespe (la nostra guida su come sbarazzarsi delle vespe spiega come affrontare questo nemico comune). Poi ci sono insetti specifici come le larve delle tarme della frutta del susino.

Oltre ai parassiti animali, devi stare attento a malattie come la foglia d’argento e il cancro batterico. Alcune razze di prugne possono avere una certa resistenza alle malattie, ma altre sono vulnerabili. La conoscenza è potere, quindi informati su queste cinque malattie chiave delle prugne:

  • Tignola del prugno La tignola del prugno (e la mosca del prugno) può provocare il caos. Le uova della tarma del susino, deposte sui rami in estate, si schiudono in bruchi rosa che scavano tunnel nei giovani frutti. Spruzzare con pesticidi a base di piretroidi quando appaiono i frutticini, o appendere trappole a feromoni sugli alberi in maggio.
  • Ruggine delle prugne Causata dal fungo Tranzschelia discolor, questo può essere un caso di vivi e lascia vivere. Anche se le macchie arancioni sulle foglie possono sembrare allarmanti, la malattia si verifica abbastanza tardi nella stagione e i frutti stessi non sono colpiti, dice l’esperta Lucy Chamberlain.
  • Prugna tascabile Questa infezione fungina (Taphrina pruni) fa sì che prugne e susine si sviluppino in modo anomalo e senza noccioli in piena estate. Potreste anche vedere una fioritura bianca prima che la frutta avvizzisca. L’azione migliore è quella di rimuovere tutti i rami e i frutti infetti prima che vengano prodotte le spore.
  • Foglia d’argento Si tratta di un fungo che causa un’argentatura delle foglie, ma è facilmente controllabile con mezzi culturali. Le spore trasportate dall’aria sono molto più diffuse nel tardo autunno e durante l’inverno. Entrano attraverso le ferite di potatura, quindi fatelo solo durante l’estate. Disinfettate regolarmente gli attrezzi da taglio, come le vostre migliori forbici.
  • Attacco batterico Si presenta come macchie infossate di corteccia morta e piccoli buchi nelle foglie, questa malattia si sviluppa a metà primavera. Se non controllata, il ramo può morire rapidamente. Minimizzare il rischio potando in luglio e agosto. ‘Marjorie’s Seedling’ e ‘Warwickshire Drooper’ hanno una certa resistenza.

Per tenere sotto controllo i parassiti degli insetti, perché non incoraggiare i loro predatori includendo alcune idee di giardino per la fauna selvatica nel vostro appezzamento? Visitatori naturali come coccinelle e sirfidi prenderanno di mira i “predatori di prugne” come gli afidi. Anche le forbicine aiutano a controllarne il numero, quindi tieni dei vasi (riempiti di carta) sparsi per l’appezzamento per incoraggiarli.

segni di ruggine del susino su una giovane foglia di susino

Quando raccogliere le prugne

La prima cosa da sottolineare è che non dovresti aspettarti dei frutti lo stesso anno in cui inizi il tuo albero. Ma fatevi coraggio – anche se potrebbero volerci tre o quattro anni dalla piantagione per far comparire i primi frutti, sarete ampiamente ricompensati per la vostra pazienza.

Con le giuste cure e il diradamento, queste masse di frutta dovrebbero iniziare a riempirsi e a colorarsi in agosto e settembre, ma è meglio lasciare le prugne sull’albero il più a lungo possibile per farle maturare completamente.

Una leggera pressione è di solito tutto ciò che serve per sapere quando raccogliere le prugne. Applica una leggera pressione su ogni frutto (ma non abbastanza da ammaccarlo). Se si sente morbido al tatto, sollevare, torcere e tirare. Le prugne mature dovrebbero staccarsi facilmente dall’albero. Fai attenzione a spazzare regolarmente ogni ramo quando raccogli i frutti. Sarà necessario farlo diverse volte.

Le varietà da dessert sono meglio consumate fresche o conservate in frigorifero per un massimo di 10 giorni. Le varietà culinarie possono, naturalmente, essere trasformate in conserve e usate in torte e crostate. Potete anche congelare le prugne in eccesso – ma ricordatevi di disossarle prima. Alcune varietà (come la ‘Opal’) sono definite ‘freestone’, il che significa che il nocciolo si separa facilmente dalla polpa”, dice Lucy Chamberlain. Tuttavia ci sono anche ‘clingstones’ come ‘Marjorie’s Seedling’, che sono più difficili da disossare”.

Quanto è importante il portainnesto di prugne?

Se stai acquistando un prugno da piantare, le dimensioni del tuo appezzamento sono una considerazione fondamentale. Alcune varietà sono state selezionate per essere più compatte, il che è certamente utile, ma questo da solo non basta. È qui che i portainnesti diventano incredibilmente utili. Essenzialmente, tutte le prugne che compri sono innestate su un albero “radice”, che viene usato per determinare la crescita finale della varietà in questione. Una buona notizia se state cercando di massimizzare il vostro potenziale di fruttificazione in un piccolo giardino.

Il portainnesto aiuta a controllare il vigore della varietà. In pratica, potete determinare le dimensioni complessive anche se avete uno spazio limitato o volete un tipo di prugna che sia naturalmente dominante. Questo aiuta anche a rendere possibile la coltivazione di certe prugne, gages e damsons in vaso come parte delle vostre idee di giardinaggio nel patio. I portainnesti possono essere usati anche su altri alberi da drupacee per aiutare a controllare le dimensioni.

I portainnesti sono importanti anche per la formazione. I migliori portainnesti per le prugne sono Pixy e Saint Julien A. Pixy è ottimo per piramidi e cordoni perché è un portainnesto semi-nano, che produce un albero alto 3 o 4 metri. Nel frattempo, St Julien A è ottimo per cespugli e ventagli, fino a 16 piedi (5m). E se state coltivando in contenitori, usate uno di questi portainnesti nanizzanti per ottenere il massimo da prugne come ‘Blue Tit’, ‘Opal’ e ‘Victoria’.

Plum Victoria che cresce su portainnesto Pixy in un contenitore

Si possono coltivare prugne dai semi?

Anche se è facile imparare a coltivare le prugne piantando un albero, potresti essere tentato di fare un ulteriore passo avanti e provare a coltivarne una dal nocciolo di una prugna. Allora, si può? La risposta breve è: sì. Tuttavia, l’albero impiegherà più tempo a svilupparsi, e potrebbe fruttificare o meno. E anche se lo fa, le prugne non cresceranno “vere”, il che significa che non saranno esattamente le stesse del frutto originale che avete apprezzato.

Molti degli alberi che compri dai vivai specializzati o dai fornitori online sono stati accuratamente allevati e innestati su portainnesti per evitare il duro lavoro di coltivare le tue prugne. Questi innesti sono fatti deliberatamente per creare frutti che siano “fedeli” alle varietà madri. Quindi, anche se potrebbe essere divertente vedere cosa succede coltivando prugne dai semi, tenete presente che passerete più tempo a sviluppare qualcosa che impiegherà più tempo a fruttificare e che potrebbe non portarvi una delizia gustosa alla fine.

Comunque, se questo non ti ha scoraggiato, ecco come coltivare le tue piante di prugne dai semi:

  1. Lava il nocciolo di prugna in acqua tiepida per rimuovere ogni residuo di polpa. Poi avvolgilo in un tovagliolo di carta umido dentro un sacchetto di plastica e mettilo in frigorifero. Il seme deve essere refrigerato per sei-otto settimane per germinare.
  2. Una volta che il nocciolo è germogliato, mettilo in un contenitore con terreno ben drenante (una buona miscela è una parte di terriccio e una di vermiculite). Posizionare la pietra a circa 2in (5cm) di profondità. Posizionare in un luogo fresco e luminoso e mantenere l’umidità.
  3. Quando il rischio di gelo è passato, trova un posto all’esterno con un minimo di otto ore di luce solare diretta. Scavare una buca di 30 cm di profondità, piantare, fissare e innaffiare. Pacciamare e concimare in primavera.

Stai cercando un frutto facile da iniziare da zero? La nostra guida su come coltivare l’anguria ti mostra come “diventare grande” partendo da un piccolo seme.

Nocciolo di prugna che viene preparato per far crescere una pianta

Gli alberi di prugne fruttificano ogni anno?

Una volta che sai come coltivare le prugne, non vorrai mai che le tue scorte si esauriscano. Tuttavia, ci sono un paio di cose da tenere a mente. In primo luogo, non otterrete prugne nel primo anno di piantagione. In genere ci vogliono tre o quattro anni per iniziare a fruttificare, e sei anni per raggiungere il suo pieno potenziale. Se avete un albero nano più piccolo, potreste vedere le prugne in un paio d’anni.

Questo non significa, tuttavia, che vi sia garantito un raccolto eccezionale ogni anno. Molto spesso, i giardinieri scoprono che i loro alberi di prugne possono produrre un’abbondanza di frutta un anno – solo per arrestare apparentemente la produzione e “prendersi una pausa” l’anno successivo. Questo è noto come “portamento biennale”, ed è il modo dell’albero di ricostituire le sue risorse se sono state esaurite da un anno di raccolto particolarmente pesante. Quindi, se il tuo albero di prugne ha un anno tranquillo con pochi o nessun frutto, non farti prendere dal panico: ha solo deciso di aspettare un anno.

Lo stesso può accadere al contrario, dove una mancata fioritura (e fruttificazione) in un anno particolare può far sì che l’albero compensi in modo eccessivo l’anno successivo con una grande quantità di fiori (e frutti). La mancata fioritura tende ad essere causata da un gelo o da periodi prolungati di terreno asciutto. Puoi minimizzare questi rischi assicurandoti che il tuo albero riceva annaffiature regolari, specialmente in estate, e coprendo gli alberi da fiore con una tenda di vello orticolo quando la temperatura scende – questo è uno dei metodi più semplici per come proteggere le piante dal gelo.

Speriamo che i vostri alberi di prugne crescano ogni anno in modo soddisfacente – e che vi mantengano ben riforniti di frutti succosi e piccanti.

Le prugne Marjorie's Seedling che maturano sull'albero

Menu