Come fare, Giardinaggio

Come coltivare la menta: questa erba rinfrescante è una delle più facili da coltivare

Una volta che sai come coltivare la menta, avrai una scorta fresca di quest’erba pungente da usare nel tè alla menta, nei cocktail e per accompagnare piatti di carne, patate e pesce. La menta è meglio coltivata da talee o da giovani piante acquistate nei centri di giardinaggio, anche se può essere coltivata dai semi, se preferite.

La menta cresce molto facilmente, quindi il vostro problema più grande potrebbe essere quello di contenerla! Invece di piantare la menta nelle aiuole, dove può crescere senza controllo, piantala in grandi vasi o contenitori usando un compost a base di terra. Puoi anche piantare la menta in un secchio e poi affondare il secchio nel terreno per impedire alle radici di diffondersi.

La menta ama le posizioni soleggiate e il terreno ben drenante, ma tollera anche l’ombra parziale. La pianta prospera se le sue radici sono mantenute umide ma non inzuppate d’acqua.

Dai un’occhiata alla nostra guida completa alla coltivazione della menta, da quanto tempo manca alla raccolta, alle diverse varietà da provare e a come evitare i parassiti più comuni. E se hai voglia di imparare a coltivare l’aglio o altre erbe, troverai molti consigli sul nostro hub dedicato alla coltivazione in proprio.

Come coltivare la menta da talea

  1. Preleva delle talee lunghe circa 15 cm da una pianta di menta in tarda primavera o all’inizio dell’estate.
  2. Mettere in un vaso o in una bottiglia di plastica con circa 2,5 cm di acqua sul fondo e collocare su un davanzale soleggiato.
  3. Sostituisci l’acqua ogni volta che inizia a sembrare torbida e aspetta che si formino le radici. Di solito ci vuole meno di una settimana.
  4. Una volta che le radici sono lunghe circa 5 cm, trasferisci le talee in un grande vaso pieno di terriccio, distanziando ogni stelo di circa 7,5 cm.
  5. Spostare le piante in contenitori individuali riempiti di terriccio man mano che crescono.

Puoi anche mettere le talee direttamente nel terriccio, ma lasciando che le radici si formino prima in acqua avrai le migliori possibilità di successo.

Come coltivare la menta dai semi

come coltivare la menta

  1. È meglio piantare i semi di menta in casa a fine inverno o all’aperto dopo l’arrivo della primavera e l’ultimo gelo.
  2. Immergi i tuoi semi in acqua per una notte la notte prima di piantarli. Stendili su un rotolo da cucina per assorbire l’umidità in eccesso prima di piantarli.
  3. Cospargi i tuoi semi di menta su un contenitore ben drenante riempito di terriccio. Coprire con un sottile strato di terriccio. Posiziona su un davanzale caldo e mantieni umido ma non inzuppato.
  4. I semi di menta sono minuscoli, quindi dovrai diradare le piante una volta che sono germinate.
  5. Man mano che le piante crescono, spostale in contenitori separati riempiti con un compost a base di terra. Puoi poi spostare le piante di menta all’esterno, indurendole spostandole fuori durante le ore di luce per una settimana e facendole rientrare di notte, per poi lasciarle fuori in modo permanente.

Consigli per la cura delle piante di menta

  • Taglia la menta regolarmente per stimolare la nuova crescita
  • Quando i fiori muoiono alla fine dell’estate, tagliate gli steli che avevano i capolini a 5 cm dal suolo
  • Non coltivare diverse varietà di menta troppo vicine, perché perderebbero il loro sapore
  • Se si coltiva la menta in vaso, separare la zolla ogni anno e ripiantarla in due vasi

Quando è pronta la menta per la raccolta?

Puoi raccogliere la menta tra la tarda primavera e la metà dell’autunno. Muore durante l’inverno, ma è una pianta perenne, quindi tornerà l’anno successivo.

Usa le dita per pizzicare i gambi o le foglie dalle tue piante di menta, o taglia i gambi con le migliori cesoie. La menta è meglio usarla fresca, ma si può combinare con zucchero e aceto di vino bianco per fare una salsa alla menta, che si conserva bene.

Varietà di menta da coltivare

come coltivare la menta

  • Mentha spicata var. crispa Moroccan, o menta marocchina, ha un sapore croccante ed è perfetta per il tè alla menta o la salsa alla menta
  • Mentha arvensis Banana, o menta banana, è una varietà a crescita ridotta con un sapore simile alla banana
  • Mentha spicata subsp. citrata, o menta fragola, ha piccole foglie con un sapore fruttato
  • Mentha pulegium, o Pennyroyal, ha un sapore molto forte

Problemi comuni nella coltivazione della menta

La menta cresce bene nella maggior parte delle condizioni, ma ci sono un paio di problemi che possono avere un impatto negativo sul tuo raccolto. Fai attenzione ai coleotteri della menta – questi sono coleotteri verdi lucidi che si nutrono delle piante di menta e causano danni durante i mesi estivi. Puoi raccoglierli a mano se noti un’infestazione.

La ruggine è una comune malattia fungina che causa macchie arancioni, gialle o nere sulle foglie di menta, insieme a steli pallidi e distorti. È necessario dissotterrare tutte le piante colpite ed eliminarle. Controlla che le nuove piante siano prive di macchie prima di piantarle.

Menu