Come fare, Giardinaggio

Come coltivare le fave: aggiungi queste colture a bassa manutenzione al tuo orto

È sorprendentemente facile imparare a coltivare le fave. Basta prendere un posto riparato o alcuni vasi, un po’ di sole e il giusto supporto, e sei pronto per tenere le fave per tutta l’estate e oltre.

Veloci a germogliare, con fiori profumati e raccolti ricchi di sostanze nutritive, le fave sono piante adorabili che richiedono poca manutenzione. Richiedono anche poche cure una volta che le avete fatte partire. Infatti, sono le più resistenti della famiglia dei fagioli.

Il trucco è scegliere il tipo giusto per il periodo dell’anno e assicurarsi che il posto scelto sia soleggiato e ben protetto. Qui vi mostriamo come coltivare le fave e come raccoglierle al momento giusto per ottenere un raccolto più gratificante, qualunque sia il vostro spazio.

Vuoi coltivare anche altre verdure insieme alle fave? Vai alla nostra guida su come coltivare l’aglio per altri consigli da esperti.

Conosci i tipi di fave

come coltivare le fave: i fagioli rossi

Quando pianifichi come coltivare le fave, ricorda che esistono quattro tipi principali.

  1. Siviglia, che è un tipo a maturazione precoce e a semina autunnale.
  2. Longpod (come ‘Exhibition Longpod’), con circa sette semi per baccello.
  3. Windsor (come ‘Green Windsor’), i tipi standard a semina primaverile, con quattro-sette semi per baccello.
  4. Fan-podded (come ‘The Sutton’), con più baccelli per grappolo su piante compatte.

Il colore dei semi varia molto. Ci sono varietà a seme verde come ‘Imperial Green Longpod’ e tipi a seme bianco come ‘Witkiem Manita’. Altre (come ‘Red Epicure’ e ‘Karmazyn’) producono fagioli di un rosso accattivante.

La varietà Heritage ‘Crimson Flowered’ produce una sorprendente fioritura scarlatta prima del raccolto.

Quando piantare le fave

come coltivare le fave: seminare le fave in cella in primavera

Se stai imparando a coltivare le fave, devi sapere che il periodo principale per la semina delle fave è tra marzo e maggio. Alcuni tipi possono essere iniziati prima, in febbraio, sotto cloches o in una serra fredda per un raccolto più precoce – vedi le nostre idee per la serra per saperne di più. Puoi fare semine dirette più tardi direttamente nel terreno.

Controlla la confezione dei tuoi semi per sapere come coltivare le fave, ma non preoccuparti se non hai ancora iniziato. Le colture seminate in primavera sono pronte per il raccolto in circa 15 settimane (le semine autunnali richiedono circa 30 settimane), e se fai semine successive puoi essere sicuro di avere raccolti continui per mesi.

Oltre alle fave seminate in primavera, che si svilupperanno durante l’estate, cerca varietà come “Luz de Otono” che puoi seminare più tardi in estate.

Vale anche la pena di seminare di nuovo in autunno. In giardini riparati con terreni ben drenati, le fave come ‘Aquadulce Claudia’ possono essere seminate a novembre. Questo significa che il prossimo maggio, sarete pronti a partire e vedrete i raccolti ancora prima! Le semine autunnali germinano entro quattro settimane e le giovani piante riprendono vita in primavera.

Ricordati solo di proteggere le cloche nelle zone fredde o negli inverni rigidi. La nostra guida su come proteggere le piante dal gelo ti aiuterà.

Come coltivare le fave

come coltivare le fave: piantare all'esterno le fave seminate in primavera

Data la gamma di varietà di fave (e le date di inizio), puoi consumare i raccolti freschi dall’inizio dell’estate fino a ottobre.

Le semine fatte in aprile avranno tutto il tempo di maturare durante la stagione calda. I tipi più resistenti germinano a 5°C (41°F); quelli commercializzati per la semina in aprile sono più tolleranti alla siccità.

1. Semina i tuoi semi

come coltivare le fave: letto rialzato di fave

Metti in vaso le tue semine primaverili per trapiantarle più tardi. Le fave sviluppano sistemi radicali estesi, quindi è necessario seminare in profondità, ad almeno 5 cm di profondità e a 20 cm di distanza, a seconda della varietà.

In piena terra, seminare in file singole a 18 pollici (45 cm) l’una dall’altra o in file doppie a 9 pollici (23 cm) l’una dall’altra con 60 cm tra ogni fila doppia.

Nelle aiuole rialzate, le file possono essere distanziate di 23 cm. Le varietà nane possono essere seminate a 15 cm di distanza.

Un buon trucco quando si cerca di coltivare le fave è quello di seminare semi extra alle estremità delle file per le piante – questi possono essere spostati per riempire i vuoti creati dai semi che non germinano.

2. Iniziare i semi nei porta rotoli di carta igienica

come coltivare le fave: contenitori di carta igienica per le fave

Come scoprirai presto quando imparerai a coltivare le fave, hanno radici lunghe. Quindi, se non le semini in loco (dove devono crescere), otterrai grandi risultati se le inizierai nei porta rotoli di carta igienica.

Proprio così, amici: i vecchi rotoli di carta igienica danno alle fave (e a tutti i fagioli) un grande sostegno e libertà finché non sono pronti per essere piantati.

3. Lasciare maturare le piante in vaso

Le piante allevate in vaso sono utili dove i terreni sono umidi o ricchi di argilla; questi terreni possono far marcire i semi.

Trapiantare le piantine a distanza di 20 cm in blocchi o file. Piantare dopo circa sei settimane, quando la radice ha riempito il vaso.

Ci sono altri consigli su come trapiantare le piantine nella nostra guida.

4. Sostieni le fave mentre crescono

come coltivare le fave: sostenere le fave mentre crescono in altezza

Una delle cose fondamentali da ricordare quando si parla di come coltivare le fave con successo è che le varietà più alte avranno bisogno di un sostegno, perché le fave (a differenza delle fave francesi o dei fagiolini) non si arrampicano e tendono ad afflosciarsi quando diventano alte. Attacca delle corde a dei pali robusti posti a 1,2 metri l’uno dall’altro. Fissare i livelli orizzontali delle corde a intervalli di 30 cm (1 piede).

Le cultivar più piccole hanno maggiori probabilità di creare da sole il proprio supporto, specialmente se piantate in file doppie. Alcune varietà sono più erette; prova una fava nana o più piccola come ‘The Sutton’ per una crescita più compatta delle fave.

Le nostre idee per il supporto delle piante rampicanti ti aiuteranno in questo caso.

Dove coltivare le fave

La cosa principale da ricordare quando si impara a coltivare le fave è di scegliere un sito ben drenato che sia stato accuratamente scavato e preferibilmente migliorato con compost da giardino o letame ben marcio. Le fave danno il meglio in terreni fertili e moderati.

Per le semine autunnali è meglio un luogo riparato, ma le semine primaverili dovrebbero andare bene in un luogo aperto e soleggiato. Tuttavia, fai attenzione a non coltivare le fave nello stesso posto per due anni di seguito, perché questo potrebbe aumentare le possibilità di marciume radicale. Non essere tentato di seminare in condizioni molto fredde o quando il terreno è impregnato d’acqua.

A parte questo, le fave sono a bassa manutenzione e non sono troppo esigenti. Ci sono altre idee di giardino a bassa manutenzione nella nostra rubrica.

Come curare le fave

A meno che le precipitazioni non siano state abbondanti, annaffia bene fino a quando le piante non si sono stabilite. Fallo di nuovo quando iniziano a fiorire e di nuovo due settimane dopo. Questo aumenterà l’allegagione dei baccelli e la resa complessiva sarà molto migliore. L’irrigazione in altri momenti è necessaria solo durante le siccità prolungate, ma un’ulteriore irrigazione è saggia nei terreni leggeri.

I fiori richiedono l’impollinazione delle api. Potresti vedere alcune specie rosicchiare la base dei fiori (questo si chiama “rubare”). Non preoccuparti – altre api impollineranno i fiori per te. Segui la nostra guida alle piante amiche delle api per alcune piante chiave che attireranno le api nel tuo orto.

Parassiti e problemi delle fave

come coltivare le fave: consigli per pizzicare per prevenire la mosca nera

Le giovani piante di fave sono a rischio di mosca nera, un parassita che è attratto dalle punte e dalla nuova crescita. Questo apparirà come spessi ammassi neri intorno alle nuove foglie in cima alle piante, agli steli e alla parte inferiore delle nuove foglie.

Per tenere d’occhio questo problema, pizzica le punte e la crescita superiore quando il grappolo di fiori più basso ha formato dei piccoli baccelli. Oltre a ridurre i problemi con la mosca nera, questo aiuterà anche a promuovere l’allegagione.

Se le condizioni di crescita sono molto umide, potresti vedere delle macchie marroni sulle foglie delle fave, chiamate ruggine. Queste non sono troppo allarmanti – basta rimuovere le foglie scolorite.

Tuttavia, fai attenzione se le macchie sembrano diffondersi, perché la pianta potrebbe essere affetta da macchia di cioccolato. Questa può diffondersi rapidamente e in casi gravi può portare al collasso della pianta.

Per prevenire questo problema, spaziate generosamente le piante, evitate siti umidi o bagnati e mantenete il terreno libero da erbacce. Ci sono molti modi per affrontare le piante indesiderate – la nostra guida su come diserbare un giardino ti mostra come.

Quando raccogliere le fave

come coltivare le fave: raccogliere le fave come la Bunyard's Exhibition quando sono giovani e tenere

Ora che sai come coltivare le fave, devi anche sapere quando raccoglierle. Per raccogliere le fave al meglio, ricorda: piccole e tenere danno la migliore qualità. Non appena puoi sentire le fave attraverso i baccelli, sono pronte per essere raccolte. Raccogliete per gradi, iniziando dai baccelli più bassi. Puoi raccogliere i baccelli quando sono lunghi 8cm (3in) e cucinarli interi.

Quando raccogliete i baccelli per sgranarli, aspettate che i fagioli siano visibili attraverso il baccello, ma non lasciateli troppo a lungo. Il fagiolo è al suo meglio quando la “cicatrice” (il segno sul bordo del fagiolo) è bianca o verde – quando questa diventa marrone, i fagioli diventano più duri.

Se hai qualche “fava vecchia”, non temere, perché non va sprecata! Puoi fare un paté di fave: cuoci e togli il guscio esterno, poi frulla con un po’ di menta, succo di limone, sale, pepe e olio d’oliva. Prego!

Una volta raccolti, tagliate le vecchie piante ma lasciate le radici nel terreno. I noduli delle radici che fissano l’azoto marciscono per aggiungere bontà al terreno.

come coltivare le fave: godere di un abbondante raccolto di fave

Sei varietà di fave da provare

1. Il Sutton

come coltivare le fave: Il Sutton

The Sutton’ è una grande varietà nana, che cresce solo fino a 18 pollici (45 cm). Un raccolto abbondante, a maturazione precoce, adatto alle posizioni esposte e ideale per le semine in successione.

2. Witkiem Manita

come coltivare le fave: Witkiem Manita

Puoi seminare ‘Witkiem Manita’ in autunno o in primavera. Ha una crescita rapida, con baccelli corti e ben riempiti di fagioli bianchi. Ottima fonte di vitamina C, folati e fibre.

3. Capolavoro Verde Longpod

come coltivare le fave: Masterpiece Green Longpod

Questa varietà dà un’eccellente lunghezza del baccello, spesso contenente sei o sette grandi fagioli verdi e succosi. ‘Masterpiece Green Longpod’ è anche eccellente per la surgelazione.

4. Aquadulce Claudia

come coltivare le fave: Aquadulce Claudia

Questo è il fagiolo di riferimento per la semina autunnale. ‘Aquadulce Claudia’ è la migliore fava da provare per lo svernamento. Super resistente, a baccello lungo e a maturazione precoce.

5. Meteor

come coltivare le fave: Fave Meteore

Questa è un’altra buona opzione per lo svernamento. ‘Meteor’ (e ‘Meteor Vroma’) è una pianta riccamente produttiva che produce lunghi baccelli, e i fagioli sono eccellenti mangiati giovani.

6. Cremisi fiorita

come coltivare le fave: Crimson Flowered

Crimson Flowered’ è una fava tradizionale che produce fiori rossi sorprendenti e fagioli gustosi in baccelli corti ed eretti. Bella e prolifica.

Posso mangiare altre parti della pianta di fave?

come coltivare le fave: ci sono altre parti della pianta che si possono mangiare

Le fave danno il meglio di sé quando vengono raccolte piccole e mangiate fresche. Ma ci sono parti che possono essere mangiate anche prima. Quando si pizzicano le punte dei germogli in crescita per evitare la mosca nera, si possono mangiare questi pezzi di foglie come gli spinaci; sono deliziosi saltati con il burro.

I baccelli immaturi possono anche essere cotti al vapore e mangiati interi. Raccoglietene solo alcuni quando sono spessi come una matita (prima che le interiora del baccello, simili all’ovatta, abbiano avuto il tempo di formarsi). Inzuppare in un po’ di salsa di formaggio e cuocere al forno. Poi aspetta solo i tuoi fagioli!

Vuoi altre ispirazioni per coltivare verdure nel tuo giardino? Vai alle nostre idee per piccoli orti e scopri come coltivare frutta e verdura in qualsiasi spazio.

Menu