Come fare, Piante

Trapianto di aceri giapponesi – come assicurarsi che il tuo acer sopravviva a un trasloco

Il trapianto di aceri giapponesi richiede un po' di esperienza per essere eseguito correttamente. Vale la pena tenere conto di questo consiglio, dato che gli aceri giapponesi sono a crescita lenta. Se state imparando a coltivare gli aceri e avete un esemplare particolarmente bello che state spostando in un altro giardino, o in un punto diverso di un giardino esistente, vorrete farlo correttamente per evitare che il vostro albero si ammali o addirittura muoia.

Gli aceri sono sorprendentemente facili da curare, tuttavia, il trapianto è un compito completamente diverso che dovrebbe essere affrontato con cura per ottenere i migliori risultati. Ecco cosa consiglia un esperto di alberi.

Giardino giapponese con aceri rossi/verdi

Trapianto di aceri giapponesi: prime considerazioni

Un caposaldo delle idee di giardino giapponese adatto ai climi moderati di tutto il mondo, gli aceri sono un'aggiunta straordinaria a qualsiasi terreno, ma è importante rispettare la loro natura a crescita lenta. La chiave per queste piante è capire la relazione tra le loro radici e la corona.

Prima di iniziare a scavare, quindi, ci sono diverse cose da considerare. Pol Bishop, un esperto di giardinaggio e alberi di Fantastic Gardeners, ci ha detto di concentrarci sui seguenti tre aspetti degli aceri giapponesi prima di trapiantarli:

  • L'età dell'albero "Più grande e vecchio è un albero, più grande deve essere la sua zolla quando viene scavato per contenere abbastanza radici vitali e nutrienti".
  • La salute dell'albero "Un albero sano avrà un sistema radicale migliore e più radicato, il che porterà a un migliore tasso di sopravvivenza", dice Pol. Se stai pensando a come spostare un albero, evita di trapiantare quelli che sembrano malati in superficie, perché è più probabile che abbiano "alcune radici danneggiate".
  • Il momento del trapianto Questo è 'uno dei fattori più importanti. Il momento migliore per trapiantare un albero è prima che inizi a rompere le gemme a fine inverno o all'inizio della primavera" perché a questo punto "l'albero ha il tempo di recupero più breve" dal trapianto, dandogli tutto il tempo per crescere nuove radici. In alternativa, il tardo autunno è un buon momento, purché l'albero non abbia più foglie.

Aceri giapponesi in vaso

Trapiantare gli aceri giapponesi: la tecnica

Quando si tratta di trapiantare gli aceri giapponesi, scava sempre una buca più grande di quella che pensi sia necessaria. Pol raccomanda una trincea che sia "larga quanto la corona dell'albero". Lo scopo è quello di proteggere la zolla da eventuali danni durante il trapianto.

Il tuo albero dovrebbe trovarsi a circa un pollice o due dal suolo, ma "se accidentalmente scavi una buca troppo profonda, non riprendere l'albero. Invece, prendi l'albero e inclinalo per aggiungere terra sotto di esso".

Infine, preoccupati della tela di iuta solo se stai conservando il tuo albero a radice nuda per un po' di tempo prima di trapiantarlo. Se stai trapiantando il tuo acero giapponese subito, non c'è bisogno di mettere le palle e la tela di iuta.

Una volta trapiantato l'acero, dategli un buon nutrimento per aiutarlo ad acclimatarsi e, se il sistema radicale è piccolo, "potete tagliare circa il 20% della chioma dell'albero", secondo Pol. L'obiettivo è quello di ridurre il più possibile lo stress per la pianta, e un sistema radicale non molto sviluppato potrebbe non essere in grado di sostenere quella corona lussureggiante dopo il trapianto.

Menu